Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Si vota fra Usati Sicuri e Dilettanti alla prova dei fatti

Si vota fra Usati Sicuri e Dilettanti alla prova dei fatti

cancelleri musumeci 500di Saverio Lodato
I siciliani sono chiamati a scegliere fra l'Usato Sicuro (?) e i Dilettanti alla prova dei fatti.
Usato Sicuro: Silvio Berlusconi, Gianfranco Miccichè, Matteo Salvini, Nello Musumeci.
Dilettantismo, chiamato alle prova dei fatti: Giancarlo Cancelleri.
Gli Usati Sicuri hanno esperienza. Hanno gli apparati. Hanno firmato un quarto di secolo di politica siciliana. Cuffaro e Lombardo erano Usati Sicuri. Avevano esperienza, conoscevano a meraviglia l'arte del compromesso, davano del tu alla mafia, erano siciliani quel tanto che basta per fare diventare lo Statuto dell'Autonomia una perfetta macchina da guerra finalizzata alle clientele e agli sprechi.
Rosario Crocetta, oggi escluso dal banchetto, manifesta ciò che resta della sua diversità, conclamata come un valore cinque anni fa, nella richiesta a Renzi di una poltroncina in Parlamento. In altre parole, vorrebbe tanto iscriversi anche lui al club degli Usati Sicuri. I titolari del club, però, lo guardano male. Lo trovano fastidioso: usato, ma non sicuro.
I 5 Stelle, rappresentati da Cancelleri, sono arrivati soltanto alle battute finali di quel quarto di secolo, sotto il quale la loro firma non c'è. Dunque: nel bene e nel male, non hanno "esperienza". Non hanno apparati. Difficilmente sono settantenni o ottantenni. Non hanno avuto ancora il tempo di incrociare davvero la mafia. Sono pressappochisti. Fanno tante gaffe. E hanno poca dimestichezza con l'Atlante geografico. Spesso devono smentire ciò che qualcuno di loro, demenzialmente, riversa in rete. Si sono ridotti drasticamente gli stipendi da Parlamentari.
È vero. Ma devono fare i conti con chi li attacca per non essere ancora riusciti a venire a capo del "caso Roma". Non vogliono far parte di alleanze e coalizioni.
E allora, quelli che "hanno esperienza", hanno voluto metterli in castigo con il "rosaporcellum", la legge elettorale che, con pudore linguistico, chiamano "rosatellum", fatta per sbarrare il cammino proprio ai Diavoli dell'Antisistema.
Si potrebbe poi dire, visto tutto quello che si è visto, e sentito ciò che si è sentito, in questa campagna elettorale: chi di voi non ha presentato gli impresentabili scagli la prima pietra.
Nello Musumeci, leader del centro destra, che pare di impresentabili ne presenti più degli altri, ha detto in TV di avere appreso della loro esistenza dalla lettura dei giornali. E si è appellato ai suoi elettori affinché non li votino, facendo così quella pulizia che lui non è riuscito a fare. E questa - ce lo si lasci dire - è dichiarazione politica per palati davvero forti, fortissimi, con davvero tantissima "esperienza".
Stragi di mafia del '92, '93? Berlusconi e Dell'Utri iscritti per la terza volta nel registro degli indagati? Per carità. È roba vecchia. Il tempo che non passa. Una noia mortale.
Magari - azzardiamo - non se ne parla perché è buona creanza non parlare di corda in casa dell'impiccato (è pur sempre in Sicilia che si vota).
Infine, il Pd, con Fabrizio Micari. Il quale il sostegno di Matteo Renzi lo ha ricevuto da Chicago, ha fatto comizi sull'altare, ha promesso il Ponte di Messina. Sfugge alle categorie elettorali e politiche tradizionali.
Avrà buon gioco con lui Claudio Fava, esponente della sinistra alternativa al Pd?
Vedremo presto.
La Sicilia, diceva Elio Vittorini, è un continente.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa