Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Nino Di Matteo a Londra non ci va, e Angelino Alfano si appisola

Nino Di Matteo a Londra non ci va, e Angelino Alfano si appisola

alfano dimatteo londraLa solita storia del pastore
di Saverio Lodato
Ad un quarto di secolo dall’uccisione di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo,  Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, gli uomini simbolo della lotta alla mafia si ritrovano nell’impossibilità di mettere la testa fuori dai confini nazionali.
E’ accaduto a Nino Di Matteo, il titolare dell’accusa nel processo sulla Trattativa Stato-Mafia in corso a Palermo, costretto a declinare l’invito del King’s College London Italian Society, per un dibattito sulla mafia con giovani universitari che prevedeva anche la proiezione del film "A Very Sicilian Justice", prodotto da Al-Jazeera, in cui, proprio di Di Matteo, si racconta la storia.
La ragion dell’"intoppo" è alquanto bizzarra: le autorità inglesi, infatti, garantiscono scorte armate soltanto a Capi di Stato, Capi di governo e Ministri degli esteri stranieri, ragion per cui non avrebbero potuto garantire alcuna forma di tutela a Di Matteo nelle ore in cui sarebbe stato presente sul suolo britannico. Ognuno a casa sua si regola come vuole, ci mancherebbe.
Certo però che questa "collaborazione internazionale" nella lotta contro le mafie tanto strombazzata lascia molto a desiderare. Il 22 maggio, è solo un esempio, avrà luogo al Palazzo di Giustizia di Palermo un convegno internazionale di magistrati in ricordo di Falcone, al quale i rappresentanti delle autorità italiane parteciperanno in grande spolvero, a beneficio delle no-stop televisive come accade puntualmente ad ogni anniversario della strage di Capaci. Di sfilate e parate è scandita anche la vita degli anniversari.
E saremmo pronti a scommettere che, fra gli altri, in prima fila ci sarà Angelino Alfano, il nostro Ministro degli esteri.
Ma Angelino Alfano, titolare del Ministero degli esteri, di fronte all’"intoppo" che ha impedito a Di Matteo di partecipare all’evento anti mafioso londinese non ha aperto bocca. Insomma, si è appisolato.
Eppure avrebbe potuto spiegare alle autorità inglesi come le autorità italiane considerano Nino Di Matteo un "fiore all’occhiello" nella lotta contro la mafia.
Avrebbe potuto scrivere una nota di suo pugno per mettere nero su bianco che se l’opinione pubblica anglosassone è preoccupata per i profondi legami fra mafia e istituzioni - la serata si è svolta infatti, pur in assenza di Di Matteo del quale è stato letto un messaggio, con enorme successo di pubblico - altrettanto lo sono l’opinione pubblica e il governo italiani.
Magari avrebbe potuto rivolgersi alla sua collega Roberta Pinotti, Ministro della difesa, per "affittare" a Londra una squadra di Rambo (ovviamente a spese del governo italiano) che garantisse a Di Matteo la possibilità di far sentire all’estero la voce migliore di chi in Italia la lotta alla mafia la fa sul serio.
Oggi abbiamo voglia di scherzare. Ma cosa andiamo a pensare? Come ci vengono simili idee strampalate?
Angelino Alfano non vuole che l’Italia faccia brutta figura all’estero e sull’argomento mafia tende ad appisolarsi.
Ricordate i versi dell’"Arlesiana" di Francesco Cilea? "E’ la solita storia del pastore. Il povero ragazzo voleva raccontarla. E s’addormì…"
Ma per l’anniversario di Capaci Angelino sarà ben sveglio: c’è da giurarci!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta