Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato L'urlo di Pif e il mugolio di Rosario Crocetta

L'urlo di Pif e il mugolio di Rosario Crocetta

crocetta pif c PETYX ansadi Saverio Lodato
Il magistrato non deve fare politica. Il cantante non deve fare politica. Il comico non deve fare politica. L’attore non deve fare politica. Il regista non deve fare politica… Lo scrittore non deve fare politica… Il giornalista deve essere “anglosassone"…  
E così via, all’insegna di una interdizione saccente, in nome di una sacra divisione dei saperi e delle professioni. Infatti la politica, come è noto, devono farla i politici, sono strapagati per questo, sono i professionisti del "bene comune", i sacerdoti dell’"interesse collettivo", i paladini della “legalità", i “migliori" eletti dai cittadini ai quali delegare il governo della collettività. Nell’antica Grecia, Pericle l’avrebbe pensata così. Ma ai tempi di Pericle la televisione non c’era.  
Poco importa se da noi, invece, i politici rubano o non pagano le tasse. Poco importa se riciclano danaro sporco, intascano tangenti, approvano leggi su ordinazione, cambiano dieci volte casacca nella medesima legislatura, fanno affari con le banche e le fanno fallire, prendono ordini dai loro capi elettori e non dai loro elettori, attuano l’esatto contrario del programma in nome del quale avevano fatto campagna elettorale… Non tutti, non tutti, lo sappiamo… Diversamente scadremmo nel “populismo".
Insomma, l’importante è che non siano tutti gli “altri" a fare politica.
E’ cronaca di queste ore.
Cronaca triste, cronaca amara.
Com’è ormai noto, i disabili in Sicilia sono stati abbandonati al loro destino, senza assistenza, senza finanziamenti, da un governo gaglioffo (nel senso di: "buono a nulla", Il Nuovo Zingarelli), e anche un po’ insensibile, guidato da quel Rosario Crocetta, inviso alla stragrande maggioranza dei siciliani, ma tenuto in piedi dall’ossigeno di un sistema di potere partitico preoccupato solo di arrivare a scadenza naturale, miracolato sin dal giorno dello scandalo che riguardò Lucia Borsellino, poi costretta a dimettersi da assessore.
Ora si dà il caso che per accendere i riflettori dei media, altrimenti spenti, su questa pagina tragica dell’assistenza negata ai bisognosi - è di migliaia di disabili in sedia a rotelle che stiamo parlando -, sia dovuto intervenire, mettendoci il suo nome, la sua faccia, la sua passione civile, il regista Pif che, per altro, è palermitano.
Ne è scaturito un incontro, ravvicinatissimo, fra lui e il governatore Crocetta, sul quale chiunque può farsi un’idea guardando il video. Si vedrà un Pif che incalza, e un Crocetta che mugola, alzando gli occhi al cielo.
Apriti cielo!
E chi ce lo porta Pif a farsi carico di una "questione di politica regionale"? Perché non si fa i suoi film? Cerca pubblicità? Cerca visibilità? Non lo sa che la “politica" tocca farla ai “politici"? Vuole dar vita alla Repubblica di Comici e Guitti?
No.
Pif, secondo noi, ha programmi meno ambiziosi. Molto più modestamente, è sceso personalmente in campo per porre un argine al dilagante strapotere dei cialtroni. Ben più pericolosi, i cialtroni, di “guitti" e “comici".

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Foto © Petyx/ Ansa


Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa