Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato O le Olimpiadi o il Ponte

O le Olimpiadi o il Ponte

lodato renzi ponteLa Mafia ha fame
di Saverio Lodato
Non riusciamo a vedere, e il limite sarà indiscutibilmente nostro, segni particolari della possibile rinascita del Paese annunciata, promessa, esposta in vetrina dall’attuale governo come la straordinaria novità che avrebbe mandato definitivamente in soffitta tutti i fantasmi del passato.
Davvero l’Italia sta cambiando in meglio?
Davvero gli indicatori economici ci raccontano di un vistoso calo della disoccupazione giovanile e della pressione fiscale?
Davvero si sta ridisegnando al meglio la forma istituzionale del Paese?
Ognuno può pensarla come vuole. Prova ne sia che tanto gli entusiasti quanto i catastrofisti hanno dalla loro, e su cui far leva, il fior fiore degli istituti statistici e delle opinioni dei giureconsulti, in uno snervante così è se vi pare.
Tutto, in Italia, è opinabile.
Se in America i duellanti in corsa per le presidenziali si affrontano in prima serata, qualche minuto dopo i media sono in grado di dire - insindacabilmente - chi ha vinto e chi ha perso. E i diretti interessati accettano il verdetto.
Da noi, i resoconti giornalistici, all’indomani dei faccia a faccia a favore del "si" o del "no" al referendum, si tengono alla larga dai giudizi di merito, per non scontentare nessuno.
Queste considerazioni abbastanza ovvie ci servono per introdurre un piccolo "teorema" che ci sta a cuore. Il teorema è questo: c’è, anche se apparentemente nessuno la coglie, una strettissima correlazione fra le "Olimpiadi" e il "Ponte sullo Stretto".
In questo caso, e va detto per onestà intellettuale nei confronti di chi legge, noi ci iscriviamo al "club degli entusiasti"; entusiasti del fatto che Virginia Raggi e il Movimento 5 Stelle abbiano preannunciato e poi ribadito che a Roma le Olimpiadi non si faranno.
E la canea che si è scatenata dopo, il partito insomma di "quelli che sono rimasti a bocca asciutta", ci ha ulteriormente convinto che la strada intrapresa dalla Raggi - ci riferiamo evidentemente solo a questo suo atto specifico - è quella giusta. Né riusciamo a capacitarci del fatto che quando l’analogo "no" alle Olimpiadi venne espresso dal "Dottor Rigor", alias Mario Monti, impalmato premier e senatore a vita in un colpo solo dall’emerito Giorgio Napolitano, nessuno fiatò. Anzi.
Tutti annuirono, perché le nostre finanze erano talmente dissestate che quel lusso non potevamo permettercelo. Renzi adesso dice che i 5 Stelle, avendo paura dei ladri, preferiscono ritirarsi da una competizione che darebbe all’Italia lustro nel mondo. E Monti, anche lui, non ebbe forse paura dei ladri?
Per chiudere su questo punto: non siamo poi così convinti che le Olimpiadi non si faranno. Attorno alla giunta romana si è scatenata un tale tempesta da insinuarci il dubbio - che non possiamo né documentare, né tantomeno provare - che si stia facendo di tutto per farla cadere, nella speranza che quel verdetto negativo sulle Olimpiadi possa essere rimesso in discussione in tempi brevi.
Le cronache dei prossimi giorni aiuteranno a far luce. Ma intanto, ecco che il premier Renzi riaccende, a tamburo battente, il miraggio del "Ponte".
Quante ne dicemmo al povero Berlusconi quando il Ponte lo voleva fare lui! "Ma non è - si difende il premier - che se una cosa la voleva fare Berlusconi allora vuol dire che quella cosa è sbagliata per definizione".
Ma a Renzi non viene il dubbio che si possa ingenerare una lettura molto malevola dei suoi comportamenti? I suoi irriducibili nemici potrebbero raccontarla così: "Niente Olimpiadi? Tranquilli: il Ponte sullo Stretto è quello che ci vuole. Una cosa vale l’altra".
Silvio Berlusconi, per bocca del suo ministro Lunardi, non disse apertamente che in Italia bisognava convivere con la mafia? Aggiungiamo ironicamente: "non è che siccome l’aveva detto Berlusconi, l’idea era sbagliata".
Coraggio premier!
Sia più prudente!
Il Ponte sullo Stretto è sempre stato, politicamente parlando, terreno sdrucciolevole per tutti.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta