Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Cacciate fuori i soldi di Provenzano

Cacciate fuori i soldi di Provenzano

lodato c giorgio barbagallo 2014Un tesoro di miliardi di euro
di Saverio Lodato
Ora che Bernardo Provenzano è morto, qualche riflessione si impone. Abbiamo letto avidamente cronache e ritratti, analisi e opinioni, ricostruzioni della storia che fu e previsioni sul prossimo futuro, perché quando un gran capo muore nessun vuole mancare all'appuntamento, partecipando alle esequie mediatiche, dicendo la sua, perfino tirando ad indovinare. Non c'è da scandalizzarsi, Bernardo Provenzano avendo fatto notizia sia da vivo, sia da morto.
C'è chi lo ha descritto come la copia conforme di Totò Riina.
C'è chi lo ha rappresentato come figura silente, ma antitetica, per decenni, a quella di Riina.
Chi ha intravisto nella sua scomparsa la fine di un'epoca di Cosa Nostra.
C'è chi è convinto che il suo erede sarà naturalmente Matteo Messina Denaro e chi invece non è propenso a credere che si verificherà una sostituzione meccanica e scontata.
Tutte opinioni accettabilissime, legittime, visto e considerato che degli oltre quarant'anni vissuti in latitanza dal soggetto in questione non si sa nulla.
Persino il presidente del Senato, Piero Grasso, che l'argomento lo conosce essendosi occupato di Provenzano prima da procuratore di Palermo poi da procuratore nazionale antimafia, ha desolatamente ammesso che il morto illustre si è portato nella tomba segreti e chiavi di quei segreti. Se lo dice lui, del vero ci sarà.
Ma - e questo è ciò che adesso ci preme di più - si sarebbe persino portato dietro la chiave di quello scrigno in cui custodiva gelosamente i tesori insanguinati accumulati in mezzo secolo di Onorata Carriera Criminale.
In proposito, siamo scettici.
Perché mai Provenzano avrebbe dovuto mandare al macero le sue ricchezze?
Perché mai avrebbe dovuto lasciare in miseria moglie e figli che saranno costretti a vita a fare i conti con un cognome tanto ingombrante?
Perché mai si da sbrigativamente per scontato che la chiave di quei beni mobili e immobili sia finita in fondo al mare?
Non sarebbe preferibile, oltre che doveroso, che la Procura di Palermo e la Procura nazionale si mettessero di buzzo buono, moltiplicando gli sforzi in questa ricerca che, non abbiamo motivo di dubitarne, non dovrebbe mai essersi arenata? Certe cose è sbagliato darle per scontate.
Se fu possibile ricostruire dettagliatamente la mappa dei fiancheggiatori che permisero a "zu Binnu" di svernare nel casolare alle porte di Corleone in cui poi fu catturato, perché dovrebbe essere impossibile ricostruire quella dei suoi uomini di paglia, dei suoi prestanome?
Siamo ingenui forse? Avanziamo una domanda - come usa dire - politicamente scorretta?
Vedete, c'è una cosa che ci suona strana. Su questo punto si registrano strani silenzi. Prendiamo il caso, così, a caso, di quei commentatori che hanno sollevato lo "scandalo" dei tesori che Massimo Ciancimino e la sua famiglia hanno ereditato dal vecchio "don" Vito. Sui soldi di Provenzano tengono la bocca chiusa. Si astengono dagli editoriali al vetriolo. Ciurlano nel manico, preferendo mettere in risalto le penose condizioni fisiche del morto prima che morisse, dovute, va da sé, al barbaro regime carcerario del 41 bis che dovrebbe fare inorridire il paese che ha dato i natali a Cesare Beccaria. Anche in questo caso tutto giusto, tutto molto umano, per carità.
Ma resta il fatto che questi commentatori di tenace concetto garantista, sui soldi non suonano. Perbacco.
E perché mai?
A noi, invece, piacerebbe tanto che i Riina, i Provenzano e i Ciancimino, fossero costretti a restituire alla collettività sino all'ultima lira insanguinata. Tutti, senza distinzioni, senza favoritismi, dovrebbero cacciare di tasca loro le sterminate ricchezze accumulate a suon di stragi e di delitti.
Siamo incontentabili? Può darsi. Crediamo che sia possibile che si verifichi quanto auspichiamo? Non ci crediamo per nulla.
E cercheremo di spiegarlo in poche parole. Quei lettori che ci seguono sanno benissimo cosa hanno rappresentato per noi Bernardo Provenzano e Totò Riina in mezzo secolo di storia italiana. Sono stati i grandi servitori dello Stato-Mafia e della Mafia-Stato. Gli uomini di una Trattativa permanente. Come lo fu anche Vito Ciancimino. Il cui figlio, Massimo, iniziò a rompere le uova nel paniere incaparbendosi proprio nel volere raccontare i retroscena di quella trattativa.
Ecco svelato l'arcano di quei commentatori di tenace concetto garantista che curiosamente hanno un occhio chiuso. E' sulla Trattativa Stato-Mafia che pretendono che cali una pietra tombale.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Foto © Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa