Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato L’ereditiera di Riina

L’ereditiera di Riina

lodato-saverio-big9di Saverio Lodato
In Italia i poteri criminali passano di mano in mano, vengono lasciati in eredità, mettono radici infinite, nel disinteresse generale e con il complice sostegno della politica. Allora perché meravigliarsi o scandalizzarsi delle parole criminali con le quali, dal riparato tempietto di una emittente televisiva svizzera, la figlia di un criminale si candida a prendere il posto di papà, criminalmente riconosciuto, in una certa fase della vita di Cosa Nostra, come il numero uno che più sanguinario non si può? E’ di Lucia Riina, la figlia di «don»Totò, che stiamo parlando. La quale, in un’intervista a Ginevra (commissionata dal padre? Suggerita dai suoi avvocati? Sollecitata da qualche potere svizzero che in fatto di soldi ha un odorato affinato nei secoli?)  si dice onorata e felice di chiamarsi come si chiama, di capire il dolore dei familiari delle vittime fatte a pezzi da papà ma d’aver sofferto come non mai nel giorno del suo arresto.

Poi, la ragazza – e questo si capisce – , vuol bene alla mamma che le insegnò a leggere e scrivere – criminalmente leggendo, e criminalmente parlando, s’intende- perché a causa della latitanza del genitore le fu negato il diritto di sedere nei banchi di una scuola ( il particolare di questa circostanza non lo prenderemmo a scatola chiusa, visto che a latitanti di quel calibro non sono mai mancate le cliniche compiacenti per far partorire le mogli in anonimato; o scuole e tutori con gli occhi chiusi sull’identità di certi alunni).

Dicevamo: perché meravigliarsi? Perché stupirsi? Ma indignarsi sì, si può. E si deve. Vita natural durante, verrebbe da dire.

D’altra parte, criminalmente parlando, il fatto che «Il Giornale», citando le parole di condanna per il contenuto dell’intervista di Lucia Riina, di Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell’ Associazione dei familiari delle vittime di via dei Georgofili, abbia adoperato il verbo «tuonare» piuttosto che «stigmatizzare», cos’ altro è se non lo strizzare l’occhiolino proprio ai frequentatori abituali di un «linguaggio criminale»? In Italia, si sa, tutti usano darsi una mano nei momenti di difficoltà…

Una volta, a un giudice che lo interrogava contestandogli frequentazioni «esclusivamente» mafiose nella città di Palermo, «don »Vito Ciancimino, che per la sua conoscenza del «linguaggio criminale» era paragonabile al Tommaseo per la sua conoscenza della lingua italiana, rispose, spiritosamente, che se fosse nato in Svizzera avrebbe conosciuto «esclusivamente» fabbricanti d’orologi, venditori di gioielli e produttori di cioccolata. Osservazione acuta. Ma se oggi le figlie dei boss vanno in Svizzera per essere sicure d’acquisire un’ «immunità criminale» a tutto tondo,  ciò significa che da quelle parti i  tempi per i produttori di cioccolata si son fatti duri …

Quanto all’Italia, non dimentichiamoci che ogni criminale che si rispetti ha almeno una figlia … E qual è la massima aspirazione di un padre se non quella di lasciare ai suoi figli l’eredità  del suo potere, fosse questo anche di origine e natura criminale?

28 agosto 2013

Tratto da: liberainformazione.org                      Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa