Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Salvatore Borsellino Quella giustizia che invano finora ho cercato

Salvatore Borsellino

Quella giustizia che invano finora ho cercato

borsellino s c barbagallo 2014Video e Audio
di Salvatore Borsellino

Ho già in un altra occasione raccontato della prima volta in cui, dopo la strage di Via d'Amelio, mi recai per la prima volta a Caltanissetta, convocato come testimone e familiare di Paolo Borsellino.
Non conoscendo l'ubicazione del Palazzo di Giustizia chiesi indicazioni a due persone che conversavano sulla porta di un bar. La risposta fu questa: "U palazzu è dda darreri, a Giustizia u 'nnu sapemu unn'è" (il palazzo è la dietro, la Giustizia non lo sappiamo dove sia).
Questa risposta mi è ritornata in mente ieri, giorno dell'arringa finale del mio avvocato di parte civile, Fabio Repici, al Borsellino Quater davanti alla sedia desolatamente vuota riservata ai PM, nessuno dei quali ha ritenuto di dovere presenziare all'udienza di ieri, a parte una rapida apparizione del PM Luciani all'inizio dell'udienza dato che senza quella pur fugace presenza l'udienza non avrebbe potuto avere inizio.
Il PM aveva evidentemente impegni più urgenti e pressanti, ma mi chiedo perché durante i pochi minuti in cui è rimasto presente non abbia mai voltato la testa dalla mia parte che sedevo accanto al mio avvocato, come mi consente la mia posizione di parte civile all'interno del processo, e dall'altro lato, proprio accanto a lui.

repici borsellino aula bors quater

Continuavo a fissarlo per poterlo salutare, come è buona educazione e come era reciproca consuetudione nelle prime udienze del processo, ma inutilente.
Evidentemente la fatwa lanciata contro di me, dopo il mio abbraccio a Massimo Ciancimino in via D'Amelio, in due dichiarazioni rilasciate dal PM Nico Gozzo e dal Procuratore Capo Sergio Lari, da ancora i suoi effetti e nemmeno l'avvocato di parte civile degli altri membri della mia famiglia, l'Avv. Crescimanno ha ritenuto di paretecipare all'udienza.
Forse perchè in questo caso non sarebbe stato possibile opporsi alle richieste procedurali rivolte alla Corte dal mio avvocato come puntualmente ha fatto per tutto il resto del processo con pervicacia addirittura superiore agli stessi PM.
Non hanno così potuto ascoltare le considerazioni dell'Avv. Fabio Repici che in quasi otto ore di appassionata arringa, che potrete trovare in altra sede, ha messo in evidenza le tante lacune di questo processo in relazione soprattutto alla sparizione dell'Agenda Rossa ed al depistaggio operato attraverso Vincenzo Scarantino del quale, come parte civile, abbiamo richiesto non solo l'assoluzione, dato che si tratta di una vittima, anche di torure inflittegli per costringerlo a dichiareare il falso, piuttosto che un imputato di calunnia, ma anche la riapertura, a causa di nuovi elementi, dei procedimenti che già gli sono costate delle ingiuste condanne.
Dei tanti elementi e spunti forniti dall'Avv. Repici confido che sappia far uso la Corte, e forse è proprio dalla parte di quelle persone vestite della toga e delle fasce tricolori dei Giudici Popolari che posso sperare di trovare quella Giustizia che invano finora ho cercato.

Tratto da: 19luglio1992.com

Foto © Giorgio Barbagallo

Di seguito il video proiettato durante l'arringa di Fabio Repici




Le conclusioni di Fabio Repici le potete trovare qui



ARTICOLI CORRELATI

Borsellino quater. Avv. Repici: ''Dietro la strage apparati dello Stato''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa