Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Salvatore Borsellino Mannino e il suo rapporto con il giudice Borsellino: la replica di Salvatore Borsellino

Salvatore Borsellino

Mannino e il suo rapporto con il giudice Borsellino: la replica di Salvatore Borsellino

borsellino-s-c-giorgio-barbagallo-eff-2014di Salvatore Borsellino - 27 marzo 2015
A fronte delle dichiarazioni rese da Mannino in merito a colloqui che avrebbe avuto con Paolo Borsellino e ad un “certo rapporto di amicizia” che avrebbe intrattenuto con lui, non posso che esprimere tutto il mio disgusto su questi indegni tentattivi di far parlare i morti mettendo nella bocca di Paolo parole che non avrebbe mai dette e considerazioni che non avrebbe mai fatte.
Paolo aveva pochi veri amici e tra questi non c’era e non poteva certamente esserci un personaggio come Calogero Mannino, un personaggio che era stato messo da Totò Riina al primo posto, insieme a Salvo Lima, dei politici sui quali esercitare la propria vendetta, eliminandoli perché non avevano rispettato i patti.
E se Riina poteva  considerare quei patti non rispettati vuol dire che quei patti c’erano stati e che a Riina ed ai suoi accoliti era stata assicurata quell’impunità della quale sempre avevano goduto e che era stata spezzata dal passare in giudicato delle sentenze del maxi-processo.

Se oggi Mannino può fare parlare i morti è soltanto perché Paolo è stato ucciso grazie alla quella scellerata trattativa che che lo stesso Mannino, secondo l’impianto del processo che si svolge a Palermo, chiese a pezzi deviati dello Stato di avviare e che, salvando la vita a lui e liberandolo dal terrore di fare la fine di Salvo Lima e di Ignazio Salvo richiese l’eliminazione di Paolo Borsellino, che per il procedere della trattativa costituiva un ostacolo insormontabile.
Anche per questo Paolo è stato ucciso, per lo stesso motivo doveva sparire l’Agenda Rossa di Paolo, per potergli fare dire parole che mai avrebbe pronunciate, per potere farneticare di rapporti di amicizia che mai Paolo avrebbe intrattenuto, per fare sparire insieme a quell’agenda nomi, come quello di Calogero Mannino, che sicuramente, rispetto a quella trattative vi erano annotati e non sicuramente nei termini in cui oggi lo stesso Mannino, senza che Paolo possa più smentirlo, ardisce di riferirli.

Foto originale © Giorgio Barbagallo

ARTICOLI CORRELATI

Trattativa Stato-mafia: autodifesa di Mannino (parte seconda)

Processo trattativa, l'autodifesa scontata di Mannino

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa