Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Salvatore Borsellino 'Dopo 21 anni ho ascoltato che cosa successe veramente subito dopo la strage di via D'Amelio'

Salvatore Borsellino

'Dopo 21 anni ho ascoltato che cosa successe veramente subito dopo la strage di via D'Amelio'

borsellino-salvatore-web6di Salvatore Borsellino - 1° maggio 2013
Ieri a Caltanissetta ho sentito per la prima volta raccontare che cosa è veramente successo nei minuti immediatamente dopo la strage attorno alla macchina blindata di Paolo.
Lo ho sentito raccontare a 21 anni di distanza da quel maledetto pomeriggio di domenica dalla voce ancora carica di emozione di chi c'era veramente e racconta che cosa è veramente successo.
E quello che ho sentito raccontare da Rosario Farinella, all'epoca capo scorta di Giuseppe Ayala, e dal caposquadra dei vigili del fuoco Giovanni Farina è assolutamente incompatibile con ciascuna delle decine di versioni diverse che degli stessi momenti hanno dato Giuseppe Ayala, allora deputato, e Giovanni Arcangioli, allora capitano dei carabinieri.

Sembra che questi ultimi siano stati in un posto diverso ed abbiano visto delle cose diverse o che non vogliano o non possano dire come realmente si sono svolti i fatti perchè se Giovanni Farina dice che con la sua mazza tentò di sfondare i vetri della macchina blindata per verificare se all'interno ci fosse il corpo di qualcuno, non è possibile che attraverso gli stessi vetri offuscati dal fumo e dal tremendo calore sviluppato dall'esplosione qualcuno abbia potuto vedere la borsa di Paolo.
E chi dà una versione che conferma una delle versioni di Ayala sembra quasi essere dotato del dono dell'invisibilità se nessuno di questi testimoni conferma di averlo visto accanto ad Ayala ed accanto alla macchina e se dice di avere per un attimo tenuto la borsa di Paolo se questa era invece saldamente nelle mani del caposcorta di Ayala fino a quando quest'ultimo non gli disse di consegnarla a un uomo che lo stesso Ayala gli assicurò essere un ufficiale dei carabinieri nonostante fosse in borghese e senza distintivi.

Tratto da: 19luglio1992.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa