Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Salvatore Borsellino Dottore Maresca siamo la sua scorta civica

Salvatore Borsellino

Dottore Maresca siamo la sua scorta civica

maresca-catellodi Salvatore Borsellino e il Movimento delle Agende Rosse - 21 febbraio 2013
Ieri si è avuta notizia dell'ennesima minaccia di morte nei confronti del pubblico ministero di Napoli Catello Maresca, questa volta ad opera di Vincenzo Inquietol’uomo che aveva ricavato nella sua abitazione un covo dove si nascondeva il boss dei Casalesi Michele Zagaria. Inquieto, in una conversazione intercettata con sua moglie, afferma ridendo che il PM sarebbe potuto morire "di malattia per i cazzi suoi". Non è la prima volta che il procuratore Maresca è soggetto a minacce di morte, due anni fa fu destinatario delle intimidazioni di Giuseppe Setola, il più spietato killer camorrista, minacce alle quali il governo di allora rispose tagliando i fondi alle procure, lasciando scoperti i magistrati durante gli straordinari o nelle domeniche.

E ancora, a maggio dello scorso anno, nel giorno del suo compleanno, Maresca ricevette una busta con una lettera minatoria. Il giorno stesso partecipò ad un convegno organizzato dalle Agende Rosse campane e concluse il suo intervento con questa frase, rispondendo così alla camorra: "Ho pensato di comprare un quaderno per scrivere ogni giorno quello che vedo, quello che so: le complicità, i tradimenti, i sacrifici di tanti onesti. Mi è venuta voglia di scrivere un'agenda rossa."

Al procuratore Catello Maresca vanno tutta la nostra vicinanza, la nostra solidarietà ed il nostro sostegno. Dottore Maresca, siamo accanto a lei, siamo la sua scorta civica.

Tratto da: 19luglio1992.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa