Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Tra Bollorè e Berlusconi è guerra aperta

Nicola Tranfaglia

Tra Bollorè e Berlusconi è guerra aperta

di Nicola Tranfaglia
Ormai c’è guerra aperta tra Vivendi di Vincent Bollorè e Mediaset della famiglia Berlusconi. L’incontro tra Pier Silvio Berlusconi e l’amministratore delegato di Vivendi Arnaud de Puyfontaine ha segnato la vicinanza ormai dell’impresa francese a raggiungere la quota massima del 30 per cento dalla quale è possibile-dal punto di vista statutario- lanciare un’offerta pubblica di acquisto e conquistare la maggioranza.

Già oggi, in ogni caso, Berlusconi non è più in grado di concludere un contratto con un altra impresa diversa da Vivendi. Lo scontro è nato dal mancato accordo per la cessione da parte di Mediaset premium ai francesi ma Vivendi si era defilata al momento della conclusione dell’acquisto. E Fininvest di fronte a un simile comportamento aveva lanciato un’offensiva legale ma Puyfontaine ha dichiarato ora in un’intervista di voler comprare altri titoli in Borsa (ne ha comprati già più per 121 milioni di euro) per potersi sedere a un tavolo e trattare.

A difesa del gruppo italiano dell’ex presidente del Consiglio ha provato a schierarsi non solo il governo italiano con il ministro dello Sviluppo economico Giovanni Calenda ma anche l’autorità per le Comunicazioni, l’Agcom, che è chiamata a vigilare sul mondo delle comunicazioni, che in un recente comunicato ha notato che Vivendi che ha già una quota dominante nell’impresa Telecom Italia, non  può acquisirla anche in Mediaset perchè in questo caso violerebbe un regola fissata persino in una legge firmata dall’on. Gasparri di Forza Italia e tuttora vigente.

E’ sempre in piedi, peraltro, l’antico conflitto di interessi per l’ex cavaliere Silvio Berlusconi che ieri era al Quirinale con il suo amico Giorgio Napolitano per gli auguri di Natale. Ed è significativo che così si consumi non l’autunno ma l’inverno siberiano della nostra repubblica nata negli anni drammatici della seconda guerra mondiale.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta