Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Perché voterò No

Nicola Tranfaglia

Perché voterò No

tranfaglia nicola bn c archiviodiaridi Nicola Tranfaglia
Quando ieri ho appreso che Romano Prodi ha deciso di votare Sì ho dovuto constatare che è la prima volta da quando l'ho conosciuto (e sono più di venti anni) che mi trovo in contrasto. Un contrasto che non c'era mai stato in precedenza. Ma un simile episodio mostra come anche questo referendum costituzionale ha diviso gli italiani ed è il caso allora per l'ultima volta di spiegare perché andrò a votare NO.
Non solo perché la riforma è un pasticcio ed è scritta molto male, ma perché sposta i pesi dal parlamento al governo, favorisce il potere dello Stato centrale rispetto a quello delle Regioni e sembra complessivamente un inno a una serie di idee profondamente sbagliate.  
Secondo queste idee, che sono prima di tutto dell'ex sindaco di Firenze, cambiare è bello anche se si cambia in peggio. Se si favorisce un partito che con pochi voti ottiene, grazie al premio di maggioranza, un potere che non ha il diritto di avere, se si accentra tutto nei palazzi di Roma dimenticando che l'Italia è un paese di mille città che va da Reggio Calabria a Torino e che nei centociquantacinque anni di unificazione nazionale si è sempre accentrato.
Con i risultati che ora si possono vedere e che non sono in nessun modo lusinghieri.
Potrei continuare ancora per molte righe ma mi sembra di aver detto l’essenziale, anche se non sono in nessun modo entusiasta del fatto che, se Renzi dovesse dimettersi, potrebbe toccare Grillo e ai suoi seguaci andare avanti in attesa di nuove e necessarie elezioni politiche centrali.

Foto © Archiviodiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta