Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Le donne si mobilitano in Italia e in tutto il mondo

Nicola Tranfaglia

Le donne si mobilitano in Italia e in tutto il mondo

di Nicola Trafaglia
La violenza di genere colpisce ogni giorno nel nostro Paese migliaia di donne per il solo fatto di esserlo. Gli esempi sono migliaia e riguardano il mondo intero ma non è un fenomeno recente, viene da lontano e non è frutto di raptus o di follia nè un problema sanitario o di ordine pubblico.  E’ trasversale alle classi sociali ed è il risultato storico della cultura patriarcale e della disparità enorme di potere tra uomini e donne. Sette milioni di donne che vivono in Italia hanno subito violenze fisiche o sessuali nella loro vita e se si aggiunge la violenza psicologica il numero sale nel nostro Paese a nove milioni. Le più efferate violenze vengono da partner o ex e così più del 60 per cento degli stupri.

Le donne finalmente si mobilitano per questo in tutto il mondo, un risveglio che va dal Cile all’Argentina, dalla Polonia alla Turchia, due paesi questi ultimi in cui le donne hanno ottenuto di recente importanti traguardi.

Ora tocca  al nostro Paese in cui è molto importante dare forza alle donne che subiscono violenza, per farle sentire meno sole, schierarsi al fianco delle donne nei Centri Antiviolenza, con le donne che lavorano nelle forze dell’ordine. I centri Antiviolenza da trent’anni operano in Italia, sostengono le donne che vogliono liberarsi dalla violenza e non hanno altra finalità se non quella della libertà di scelta e dell’autonomia di tutte.  I provvedimenti dei governi sono stati spesso frammentari, incoerenti e poco costruttivi.

Bisogna che le donne, e gli uomini che sono preoccupati per la violenza ancora intollerabile che c’è, siano uniti e lavorino insieme per ottenere risultati dal governo e dalle comunità. La manifestazione di ieri a Roma  è stata un episodio importante di crescita per questa lotta che non può non interessare tutti quelli che lottano per un’Italia migliore e più democratica e c’è da sperare che anche i media capiscano l’importanza della lotta prima e dopo il referendum del 4 dicembre prossimo.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta