Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Tina Anselmi, da partigiana a presidente della Commissione sulla P2

Nicola Tranfaglia

Tina Anselmi, da partigiana a presidente della Commissione sulla P2

di Nicola Tranfaglia
Scompare a 89 anni l’onorevole Tina Anselmi nella sua casa di Castelfranco Veneto.  Primo ministro della repubblica, nominata nel luglio 1976 titolare del Dicastero del Lavoro e della Previdenza sociale in un governo presieduto da Giulio Andreotti.  Era nata in una famiglia cattolica. Il padre era un aiuto farmacista di idee socialiste e fu per questa ragione perseguitato dai fascisti, la madre-casalinga-e gestiva un’osteria insieme con la nonna. Frequentò il ginnasio a Castelfranco e l’istituto Magistrale a Bassano del Grappa. E’ qui che il 26 settembre 1944 i nazisti e i fascisti costringono lei e altri studenti ad assistere alla impiccagione di 31 prigionieri italiani per rappresaglia e, nel dicembre di quell’anno, si iscrive alla Democrazia Cristiana e partecipa attivamente alla vita del partito.  Nello stesso periodo della seconda guerra mondiale, decide di prender parte attivamente alla Resistenza.

Dopo la guerra si laurea in Lettere all’Università Cattolica di Milano e diventa insegnante elementare. Nello stesso periodo si impegna nell’attività sindacale in seno alla CGIL e poi, dalla sua fondazione, nella CISL, è dirigente del sindacato dei tessili e del sindacato degli insegnanti elementari dal 1948 al 1955. Dal 1958 al 1964 è incaricata nazionale dei giovani nella DC. Nel 1963 è eletta componente del comitato direttivo dell’Unione Europea femminile di cui diventa vicepresidente nello stesso anno. Nel 1959 entra nel Consiglio Nazionale dello Scudo crociato ed è deputata dal 1968 al 1992, eletta sempre nella circoscrizione Venezia-Trevis. Durante il suo lungo mandato parlamentare ha fatto parte delle commissioni Lavoro e Previdenza Sociale, Igiene e Sanità e Affari Sociali.SI occupa molto dei problemi della donna e della famiglia: si deve a lei la legge sulle pari opportunità tra donna e uomo.

E’ per tre volte sottosegretaria al Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, dal 29 luglio 1976 è ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale nel governo Andreotti III e diventa ministro della Sanità nei governi Andreotti IV e V, diventando tra i principali autori della riforma che introdusse il Servizio Sanitario Nazionale. Nel 1981, durante l’VIII Legislatura, è nominata presidente della Commissione d’inchiesta sulla loggia  massonica P2 che termina i suoi lavori nel 1985. Il suo nome circa più volte per la presidenza della repubblica. Nel 1992 furono il settimanale Cuore, supplemento del quotidiano del PCI, L’Unità  a sostenerne la candidatura e il gruppo parlamentare La rete  a votarla più volte. Per ricordarla in maniera adeguata è il caso di riportare il brano delle conclusioni della Commissione parlamentare a cui la stessa Anselmi in un volume di “Diari segreti sulla P2” (Chiarelettere, 2011) che Anna Vinci ha pubblicato nel 2011 e che dà il senso compiuto di quell’inchiesta su un episodio che ha caratterizzato a fondo gli ultimi decenni della storia repubblicana: “Si  vuole  sottolineare il rilievo, ampiamente condiviso dalla maggioranza dei commissari, che l’intreccio tra Loggia P2, Servizi segreti e ambienti militari assume nell’interpretazione del fenomeno oggetto dell’inchiesta parlamentare  un rilievo centrale e che, come tale, pone l’imprescindibile esigenza che su tale argomento si possa svolgere un discorso  che rifugga da schematizzazioni preconcette che ad altro risultato non conducono se non a quello di impedire la comprensione dei fenomeni nella loro reale portata.”

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa