Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Il mio ricordo di Ciampi

Nicola Tranfaglia

Il mio ricordo di Ciampi

di Nicola Tranfaglia
Con Carlo Azeglio Ciampi scompare uno degli uomini migliori che l’Italia abbia avuto in cariche importanti come la presidenza del Consiglio nel 1993-94 (dall’aprile al maggio dell’anno successivo ad esser precisi) e quindi presidente della repubblica nei sette anni dal 1999 al 2006. Toscano di Livorno, ho avuto la fortuna di conoscerlo e ne conservo un forte ricordo per due ragioni di fondo:da una parte, la forte fibra morale che è molto poco diffusa nella classe politica e più in generale in quella dirigente del Paese. La seconda ragione è la sua passione per gli ideali dell’Europa unita che gli ha fatto dire molto di recente che “la mia Europa vive un decadimento morale” frase che ha pronunciato nell’ultima intervista concessa al quotidiano di Torino. Sarà perché io nell’ex capitale del regno piemontese ho trascorso una buona parte della mia vita o perché il dialogo con lui era sempre stato fecondo, fatto sta che oggi come oggi penso anch’io e lo scrivo di frequente che l’Europa viva una “crisi dalla quale non riesce a venir fuori.”
Ciampi è stato presidente del consiglio in una fase di difficile transizione istituzionale ed economica. Il referendum elettorale e la congiuntura economica sfavorevole caratterizzata da un rallentamento della nuova legge elettorale richiedevano immediate risposte.
Il governo Ciampi ha garantito l’applicazione della nuova legge elettorale approvata dal Parlamento attraverso il complesso lavoro per la determinazione dei collegi e delle circoscrizioni elettorali e il passaggio da un Parlamento profondamente rinnovatosi tra la XI e la XII legislatura.

Sul piano economico gli interventi più significativi, sono stati rivolti a costruire il quadro istituzionale per la lotta all’inflazione attraverso l’accordo governo-parti sociali del luglio 1993, che segnatamente ha posto fine ad ogni meccanismo di indicizzazione ed ha individuato nel tasso di inflazione programmata il parametro di riferimento per i rinnovi contrattuali. Inoltre il governo Ciampi ha dato l’avvio alla privatizzazione di numerose imprese pubbliche, ampliando e puntualizzando il quadro di riferimento normativo e realizzando le prime operazioni di dismissione (tra cui quelle, nel settore bancario, del Credito Italiano, della Banca Commerciale Italiana e dell’IMI).

Come ministro del Tesoro e del Bilancio del governo Prodi e del governo D’Alema, Ciampi ha dato un contributo determinante al raggiungimento dei parametri previsti dal Trattato di Maastricht, permettendo così la partecipazione alla moneta unica europea, fin dalla sua creazione.

I 14 anni in Banca d’Italia come governatore furono di fuoco, dal fallimento del Banco Ambrosiano alla sua rinascita, dal caso Sindona, segnato dall’assassinio di Giorgio Ambrosoli, allo scontro con lo Ior, dal divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia alle due gravissime crisi valutarie del 1985 e del 1992, con la rottura dello SME e il crollo della lira.

Ma l’incredibile avvenne il 26 aprile 1993 con una telefonata telefonata del Capo dello Stato Oscar Luigi Scalfaro che nell’Italia terremotata da Tangentopoli lo chiama a formare un nuovo governo. In un anno Ciampi batterà l’inflazione nell’euro con una testardaggine nutrita dai continui contatti con Tietmeyer e Kohl e sostenuta dalla politica di concertazione con il Paese reale. Fu in realtà Giuliano Amato ad avere quell’idea e a convincerlo ad accettare. Sarà poi Walter Veltroni nel 1999 a costruire l’accordo politico che l o sospingerà al Colle contro i popolari di Franco Marini che premevano per Nicola Mancino o comunque per uno di loro.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta