Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Il pasticcio Renzi-Boschi-Verdini

Nicola Tranfaglia

Il pasticcio Renzi-Boschi-Verdini

tranfaglia nicola bn c archiviodiaridi Nicola Tranfaglia
Il governo Renzi con il ddl costituzionale AC n.2613-B, già approvato nella prima delle due deliberazioni richieste per le leggi di revisione costituzionali, intende modificare le disposizioni costituzionali contenute nei titoli I, II, III, V e VI della parte II della Costituzione e nelle disposizioni finali. Ebbene, poiché tali modifiche sono svariate, una volta che la legge fosse sottoposta a referendum coercirebbe la libertà degli elettori (art.48 della Costituzione) e violerebbe nel contempo la proclamazione della sovranità popolare "nelle forme e nei limiti della Costituzione" (art.1 comma 2 della Costituzione) in quanto, trattandosi di una legge dal contenuto disomogeneo, l'elettore potrebbe esprimere sull'intero testo solo un sì o un no ancorché le scelte da compiere sono almeno due. Si comincia dalla modifica dell'attuale forma di governo (e cioè il rafforzamento del Governo a spese del Parlamento, con un Senato ridotto a una larva) e la modifica della forma di Stato (essendo rafforzata la posizione dello Stato centrale nei confronti delle Regioni). Il che evidenzia la illegittimità costituzionale che caratterizza il ddl costituzionale ac n.2613-B perché viola gli art. 1 e 48 della Cost. UN vizo che non contraddiceva la cosiddetta riforma della Cost. proposta dal Governo Letta (ddl cost. n.813 AS) il cui articolo comma 2 prevedeva appunto che "Ciascun progetto di legge è omogeneo e autonomo dal punto di vista del contenuto e coerente dal punto di vista sistematico.
Questo, nelle sue linee sintetiche, l'intervento che il presidente nazionale del Comitato per il no, Alessandro Pace, al disegno di legge costituzionale Renzi-Boschi-Verdini rispetto ai quali tutti noi elettorali dovremo esprimere la nostra posizione tra la fine di novembre e gli inizi del prossimo dicembre ed è questa la posizione in cui si trova anche chi scrive oggi undici settembre queste brevi note.

Foto © Archiviodiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...

SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...


FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta