Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Il mio ricordo di Siani, trentuno anni dopo

Nicola Tranfaglia

Il mio ricordo di Siani, trentuno anni dopo

siani giancarlo web2di Nicola Tranfaglia
Ho tra le mani a distanza di trenta (anzi trentuno per la precisione) dall'assassinio di camorra che lo uccise a Torre Annunziata presso Napoli, il solo libro di Giancarlo Siani, morto a 26 anni, che resta per chi scrive che, per molti anni, ha scritto sulla storia della libertà di informazione e di libertà in Italia uno dei pochi esempi nell'età contemporanea di un giovane giornalista, anzi di un "abusivo" che inviava per telefono al "Mattino" le sue cronache sulla camorra sperando di mettere insieme gli articoli e l'attività necessari per acquisire l'agognata qualifica professionale di giornalista secondo le norme di legge dei primi anni Sessanta del Novecento che ancora la reggono.
A condannarlo a morte - come scrive il napoletano Roberto Saviano che ha scritto una  breve prefazione a 30 anni dal delitto pubblicato dalla Iod edizioni, una sigla napoletana - erano state le ricerche che stava conducendo sulla ricostruzione seguita al terremoto dell'80, le inchieste sul grande business degli appalti che aveva gonfiato le tasche di politici, imprenditori, e soprattutto camorristi.
A condannarlo a morte furono infine quelle quattromila battute pubblicate sul Mattino del 10 giugno 1985 in cui Siani avanzava l'ipotesi che l'arresto di Valentino Gionta fosse il prezzo pagato dai Nuvoletta per evitare una guerra con il clan di Bardellino. Quell'articolo che fece traboccare il vaso: i clan non potevano più sopportare che un cronista alle prime armi rivelasse i loro rapporti con il mondo della politica e si permettesse persino di farli passare per infami. La soluzione era lì, nero su bianco, ma non si ebbero né il coraggio né l'umiltà di vederla. e così si moltiplicarono le tesi assurde sulla sua morte, volte a gettare discredito sulla sua morte e ad allontanare il più possibile il movente di questo omicidio da quello che era realmente. La più infamante era quella che per anni pesò sulla memoria di Giancarlo e sulla sua  famiglia, era l'ipotesi secondo cui, frequentando un bordello di via Palizzi Giancarlo si sarebbe imbattuto in un magistrato o in un politico e per questo era stato ucciso, per evitare che potesse creare problemi a quel potente.
Un castello di carta, puro fango che facendo passare Siani per un frequentatore di giri di "droghe e puttane" oltre a sviare le indagini, toglieva credibilità a quello che pensava e scriveva. Suggerire che era un poco di buono, che la morte non riguardava poteri criminali e connivenze, era l'ennesimo modo per rendere innocenti un territorio e una cultura che invece erano conniventi.
Leggendo o rileggendo gli articoli contenuti nel volume che si intitola FATTI DI CAMORRA (2016, IOD, pagine 202, Napoli) si può capire ancora una volta che nel libro sono contenuti gli articoli di un giornalista che non mira al gossip, che non riduce l'informazione a mero gioco dello scoop, che non vuole punire nè delegittimare, non accusa sulla base di semplici indizi.
"Giancarlo Siani - scrive a ragione Saviano e sono d'accordo con lui - aveva capito che sono queste le armi più forti che abbiamo contro le mafie, armi che le mafie temono più delle manette, più del carcere”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca