Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Doccia fredda Istat sulla crescita

Nicola Tranfaglia

Doccia fredda Istat sulla crescita

tranfaglia nicola web6di Nicola Tranfaglia
Bisognava aspettare la giornata di giovedì 2 settembre per capire se il Pil italiano era cresciuto oppure no nel secondo trimestre del 2016. L'Istituto nazionale di Statistica ha confermato che il Prodotto interno lordo è rimasto fermo dal 2015 al 2016 a differenza di quel che si aspettavano il governo e il ministero retto da Padoan dell'Economia e delle Finanze.

Ha tuttavia rivisto al rialzo la variazione rispetto al secondo trimestre del 2015:l'economia si è espansa dell'0,8% contro il + 0,7% indicato il 12 agosto scorso. A questo punto la crescita acquisita per il 2016-quella che si verificherebbe se l'anno terminasse senza altre variazioni-è dell 0,7.Anche in questo caso si tratta di un leggero rialzo dal + 0,6% precedente.
Il ministro Padoansi è limitato a poche battute:"Il Pil è in crescita.Questo è il mio commento." E ha poi assicurato che  la prossima legge di Bilancio avrà "spazi e risorse disponibili per la crescita mentre il deficit /Pil continuerà il percorso di discesa avviato. In effetti, ((+spiegano oggi dall'Istituto, alla voce dei servizi si è registrata una dinamica positiva(+o,2%) capace di azzerare il netto calo dell'industria in senso stretto(-0,8%) ma ha un peso minore dei servizi alle imprese(+0,5%) ma non sufficiente per andare oltre. Anche all'interno dei servizi, come storicamente accade, i ritmi di marcia non sono uguali per tutti :tra i grandi settori tirano Commercio, trasporto e alloggio (con legami al turismo +0,4%) e quello dei servizi alle imprese(+O,5%) Male invece l'andamento di banche e assicurazioni e dell'altra grande voce Pubblica Amministrazione, difesa, istruzione e sanità.(+0,2). Insomma si può pensare che alla fine dell'anno si arriverà,se va tutto bene,al +0,9 % come pensa da tempo il FMI piuttosto che all'1,2% come è  scritto nel Documento del governo che ha preceduto l'ormai attesa legge di Bilancio.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta