Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Per una nuova legge elettorale

Nicola Tranfaglia

Per una nuova legge elettorale

tessera elettoraledi Nicola Tranfaglia
Renzi e quello che alcuni vicini all'ex sindaco di Firenze chiamano il suo "cerchio magico" si sono convinti di una verità elementare a cui molti erano arrivati da soli negli ultimi tempi: se l'Italicum fosse la legge che esce bella e pronta dal referendum del prossimo novembre i vincitori delle prossime elezioni politiche generali a fine 2017 o nei primi mesi del 2108 sarebbero senza dubbio i sostenitori del Movimento Cinque Stelle. Un'altra ragione per cambiare quella legge viene dalla minoranza interna al PD che oggi chiede la modifica dell'Italicum come precondizione per votare sì al referendum. Una legge che regala un premio di maggioranza eccessivo alla lista vincitrice, finisce per accentuare i difetti del nuovo assetto, trasformando il sistema in un presidenzialismo di fatto senza adeguati contrappesi.
C'è quindi una terza ragione sostenuta per il cambiamento dell'Italicum ed è che cambiare l'Italicum serve a condizionare Renzi, obbligandolo a dare spazio nelle liste ai suoi avversari interni. O a legarsi ai gruppi centristi se passa la proposta di regalare il premio non a un singolo partito ma a una coalizione.
La verità è che qualunque sia la riforma dell'Italicum essa dovrà partire dai cittadini. Attraverso l'inportazione del doppio turno di collegio francese che non ha nulla da spartire con il ballottaggio partitico o con un Mattarellum (secondo il soprannome che al sistema appioppò Giovanni Sartori) aggiornato.
Sono questioni tecniche ma dietro la quale è abbastanza evidente la sostanza politica. Il sentiero è abbastanza lineare: è interesse di Renzi e della maggioranza prendere l'iniziativa e prendere un'iniziativa.
Il sentiero è abbastanza lineare: un nuovo schema in grado di riconoscere il diritto dell'elettorato di farsi rappresentare anche al costo di sacrificare qualcosa al mito per cui la sera stessa delle elezioni si deve sapere chi governerà per l'intera legislatura.
Una legge insomma a misura dei cittadini.
Quale è se non questo il modo per ridurre lo spazio dei Cinque Stelle?

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa