Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Le mafie e il sistema integrato e circolare

Nicola Tranfaglia

Le mafie e il sistema integrato e circolare

tranfaglia nicola bn c archiviodiaridi Nicola Tranfaglia
Nei giorni scorsi le cronache dei quotidiani più diffusi in Italia (e tra le quali purtroppo non c'è da tempo un giornale che si richiami a Gramsci e a Berlinguer) hanno dato notizia con spazio variabile, come sempre accade, di un'inchiesta dedicata a una delle più belle e disgraziate regioni della penisola, la Calabria, che chi scrive conosce non soltanto per esserci stato più volte anche da ragazzo ma anche perché mio padre, magistrato per tutta la vita, c'era nato e ritornato più volte anche per il suo lavoro di giudice. Ebbene proprio ieri un giornale con cui collaboro regolarmente come “Il Fatto Quotidiano” ha pubblicato un mio commento in cui ricordavo come la Commissione Antimafia presieduta dall'on. Rosy Bindi abbia chiesto e ottenuto il licenziamento di un dirigente del comune capoluogo, Marcello Cammera, che nel 2014 ha affidato 132 su 254 lavori edilizi importanti a Reggio Calabria con trattativa privata o affidamento diretto e il 52% è stato affidato ad imprese locali poi identificate come legate alla ‘Ndrangheta. I magistrati, impegnati in inchieste delicate come “Mammasantissima", hanno potuto verificare che le associazioni mafiose (come verificarono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in Sicilia nei primi anni Novanta) lavorano insieme all'interno di un sistema integrato e circolare con enormi profitti che si sono tradotti in questi anni in decine e centinaia di miliardi di euro e che approfittano dei legami, che in quelle regioni ci sono, tra reti mafiose e reti massoniche e che hanno sempre avuto, e continuano ancora ad avere, a Roma i loro uomini e i loro punti di riferimento.
Il discorso potrebbe continuare e non c'è dubbio sul fatto che già all'inizio degli anni Cinquanta ci sono sentenze, custodite nei nostri archivi giudiziari, che mostrano la presenza di un sistema che è cresciuto ed ha per così dire accompagnato lo sviluppo economico del secondo dopoguerra e le nostre classi dirigenti politici mostrano più che mai oggi di non aver ancora preso atto di una simile paurosa realtà e di fronte a segnali impressionanti come quelli che ho citato e molti altri che potrebbero enumerarsi continuano a sottovalutare il fenomeno e a considerarlo come un problema secondario della nostra democrazia parlamentare a differenza di quello che accade - devo constatarlo - degli osservatori europei e americani che - quando mi capita di andare all'estero o di avere occasione di parlare con alcuni di loro - mostrano di aver compreso le difficoltà non ancora superate dal nostro amato Paese a più di centocinquant'anni dalla unificazione nazionale.
Una particolare cecità da parte della nostra classe politica che potremmo dover pagare in maniera spiacevole nei prossimi anni se non avremo governi adeguatamente consapevoli della centralità di un simile antico ma ancora più che mai attuale problema.

Foto © Archiviodiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa