Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Perchè in Italia è decisivo il conflitto di interessi

Nicola Tranfaglia

Perchè in Italia è decisivo il conflitto di interessi

conflitto-interessi-2di Nicola Tranfaglia - 9 febbraio 2015
Una delle questioni decisive per la democrazia italiana è, senza dubbio, la risoluzione del conflitto di interessi e negli anni Novanta quando la lotta politica era più aspra di quanto sia adesso che sembra esser degenerata in una contrapposizione personalistica tra campioni con trapposti e l'abisso che separa ormai, da quasi un quarantennio, la società politica e quella composta delle varie categorie di cittadini (che è difficile definire migliore in quanto tale, come a volte si fece e non soltanto nei giornali). Ma, dopo che - alla metà di quel decennio - si era arrivati a una soluzione accettabile - come quella propo sta dal senatore toscano Stefano Passigli - che stabiliva l'incompatibilità e la vendita preventiva delle proprietà incriminabili dal punto di vista del conflitto di interessi - l'avvento al potere, per dodici anni del capo assoluto dei populisti, altrimenti noto come Silvio Berlusconi di Arcore, che - durante il suo lungo regno - l'ha sostituito con una soluzione tale per cui, stando più di tutti gli altri al potere nell'ultimo ventennio, non solo si è tenuto, senza colpo ferire, tre canali televisivi più tutti quelli che seguono le sue capo fila, ma è riuscito a incrementare sul piano finanziario il loro valore ed ha esercitato un invidiabile influenza sulle cose economiche, culturali e politiche del nostro Paese.

Ed è questa la ragione di fondo che oggi di nuovo la parte più attenta e vivace della coalizione di centro-sinistra che faticosamente ha prevalso, sia pure imperfettamente e di misura, nelle ultime elezioni politiche, vorrebbe porre di nuovo e in maniera efficace il problema di risolvere finalmente il problema del conflitto di interessi sostituendo alla ridicola soluzione, adottata nel 2004 in pieno dominio del "populismo autoritario" di Silvio Berlusconi, una legge moderna simile a quelle che già esistono negli Stati Uniti e nei più avanzati paesi europei, e che pone il politico accusato di conflitto di interessi di fronte alla scelta secca di vendere quelle proprietà prima di ricoprire la sua carica o di rinunziarvi. Intendiamoci: una misura che non riguarderebbe soltanto Berlusconi ma che dovrebbe applicarsi a molti altri politici in servizio permanente effettivo.
Ebbene sono passati più di dieci anni e non se ne è fatto nulla e non è il caso certo di attendere le prossime elezioni (fissate a fine legislatura attuale, nel 2018) per raggiungere questo obbiettivo fondamentale di restituzione a tutti gli italiani un'almeno teorica parità di posizione nell'esercitare la difficile arte della politica nel proprio paese ma, poiché non solo l'uomo di Arcore ma molti altri non amano l'articolo 3 (eguaglianza dei cittadini) e l'articolo 21 (libertà di pensiero e di espressione) si continua a rinviare alle calende greche ogni discussione e si fa in modo che il problema esca da qualsiasi programma delle forze che si contendono il potere. In questo senso si può e si deve dire che il populismo ha vinto ancora una volta, a destra, al centro e a sinistra.
Vogliamo almeno prenderne atto?

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa