Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia Il mistero di Majorana

Nicola Tranfaglia

Il mistero di Majorana

majorana-ettoredi Nicola Tranfaglia - 8 febbraio 2015
Ettore Majorana, grande scienziato, nato a Catania, in Italia il 5 agosto 1906, morto (ma la data della morte è presunta) e vissuto in località ignota dopo il 1959, scompare la sera del 25 marzo 1938 dopo esser partito da Napoli dove risiedeva all'albergo Depretis in via Depretis 72 alla volta di Palermo dove si fermò un paio di giorni perché i suoi amici gli avevano consegnato di prendersi un periodo di riposo. Ai familiari aveva scritto questa lettera: "Caro Carrelli, ho preso una decisione ormai inevitabile. Non vi è in essa un solo granello di egoismo ma mi rendo conto delle noie che la mia improvvisa scomparsa potrà procurare a te e agli studenti. Per questo ti prego di perdonarmi ma soprattutto per aver deluso tutta la fiducia, la sincera amicizia che mi hai di
mostrato in questi mesi. Ti prego di ricordarmi a coloro che ho incominciato a conoscere nel tuo Istituto, particolarmente a Sciuti dei quali conserverò un caro ricordo almeno fino alle undici di questa sera e possibilmente anche dopo."

Iniziarono le ricerche e, dietro pressioni di Enrico Fermi, si interessò del caso persino Mussolini e fu proposta una ricompensa di trentamila lire ma non si seppe più nulla di lui. Ma non fu trovata mai nessuna traccia di lui e della sua destinazione e le ricerche in mare non diedero nessun esito.
Le ipotesi fatte in seguito sulla scomparsa del grande fisico italiano seguono soprattutto tre filoni: quello tedesco, quello argentino e quello monastico.
L'ipotesi tedesca suppone che egli sia tornato in Germania per mettere le sue intuizioni e le sue conoscenze a disposizione del Terzo Reich e  e che dopo la seconda guerra mondiale sia emigrato in Argentina.
L'ipotesi argentina parla di una sua presenza a Buenos Aires intorno agli anni Sessanta del Novecento: la madre di Tullio Magliotti riferì di aver sentito parlare di lui dal figlio; la moglie di Carlos Rivera raccontò di un presunto avvistamento del Majorana all'hotel Continental; un ex ispettore di polizia riconobbe in un'immagine di Majorana l'italiano che incontrò a Buenos Aires in quegli anni.
Secondo una terza ipotesi (a cui si riferisce il libro di Leonardo Sciascia "La scomparsa di Majorana", egli si sarebbe rinchiuso nella Certosa di Serra San Bruno per sfuggire a tutto e a tutti, dal momento che non sopportava la vita sociale. Esiste una quarta ipotesi, emersa intorno agli anni Settanta che dava Majorana in Sicilia: sarebbe stato lui l'eccellente fisico che vagava per l'isola come un nomade.
Anche dopo di allora a intervalli irregolari sono apparse altre tracce di pezzi di vita vissuti da Majorana dopo la sua presunta morte ma siamo ormai al 2015 e nulla si è potuto accertare di sicuro. E il grande mistero resta.
Che dire di una vicenda come questa? Che è difficile, forse ormai impossibile ricostruire che cosa è avvenuto in un periodo come quello in cui il fisico siciliano scomparve e resta il rimpianto per quello che uno scienziato come lui avrebbe potuto diventare se avesse vissuto meglio e di più.     

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa