Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Nicola Tranfaglia I problemi del Presidente

Nicola Tranfaglia

I problemi del Presidente

mattarella-primo-giornodi Nicola Tranfaglia - 2 febbraio 2015
Si può immaginare che il nuovo presidente della nostra repubblica (sempre quella malgrado l'abitudine invincibile dei giornalisti a chiamarla prima, seconda o addirittura terza, secondo l'ultimo libro di Percy Allum) stia riflettendo su due cose una che segue all'altra. La prima è il discorso che dovrà pronunciare domattina con l'insediamento nella suprema magistratura dello Stato.
E nel quale dovrà sottolineare, come ha già fatto ieri, che l'Unione europea, il lavoro e l'occupazione, con le con nesse difficoltà di tante famiglie italiane, sono i problemi che gli si presenteranno per primi nel nuovo ruolo a cui deve rifarsi.
Tra i primi che gli si presenteranno è il giudizio sulla legge elettorale approvata qualche giorno fa al senato e che dovrà ritornare alla Camera dei deputati per l'approvazione finale. E già su questo punto c'è da scommettere che non si tratterà di una decisione facile da prendere per corrispondere in pieno al compito presidenziale. Massimo Villone, professore di Diritto costituzionale all'Università Federico II di Napoli, fa una doppia ipotesi: la prima è che il presidente della Repubblica può attivarsi e prender l'iniziativa nel caso individui la manifesta incostituzionalità di una legge. Se trova questa vizio chiaro può comunicarlo alle Camere con un messaggio motivato chiedendo una nuova deliberazio ne. Ma, secondo la dottrina prevalente, se il parlamento dovesse riapprovare lo stesso testo, il capo dello Stato sarebbe costretto a promulgarlo.

Ma non c'è dubbio sul fatto che l'Italicum, nella sua ultima formulazione, è in contraddizione con quanto è stato scritto dai giudici costituzionali nella sentenza numero 1 del 20014. E, a mio avviso,-ha sottolineato il prof. Villone che su questo punto mi trova del tutto d'accordo- è palesemente incostituzionale confermando tutti i profili di illegittimità ai quali la Corte lega la decisione presa a suo tempo sul Porcellum e relativi alla rappresentatività delle assemblee e alla libertà e uguaglianza del diritto di voto come "il più fondamentale dei diritti."
"La Corte-continua Villone- afferma che si può limitare la rappresentatività a vantaggio della governabilità ma se c'è un grande premio di maggioranza al 40 per cento e anche il ballottaggio finale a che cosa servono le soglie minime di ingresso (il 3 per cento). Sono un limite eccessivo che puntano a una semplificazione forzosa del sistema politico che si pone in contrasto con l'articolo 49 della Costituzione. Altri due aspetti sono problematici dal punto di vista della costituzionalità del testo e sono i capilista bloccati e le candidature plurime. Pensiamo a una lista in cui io do una preferenza a Marco Rossi e c'è una capolista che io non vorrei, ma che contribuisco inevitabilmente ad eleggere. Il mio voto è ancora libero ed eguale rispetto al voto di chi lo esprime volendo eleggere quel capolista? E' un groviglio di elementi ognuno dei quali pesa sui principi enunciati dalla Corte. Con il vecchio testo del Mattarellum c'erano due voti separati: quello di collegio e quello proporzionale con lista bloccata alla Camera. Il risultato era che la libertà era maggiore. Alla fine solo il partito vincitore avrebbe deputati eletti con le preferenze e gli altri sarebbero tutti eletti nel listino bloccati. E in questo modo il voto libero ed eguale sarebbe una finzione. Anche perché l'Italicum vale per la Camera e si intreccia con la riforma del Senato. Che è un Senato dei nominati e così si colpisce ancora il principio di rappresentanza dei cittadini e si aggrava il vizio sistemico.
L'elezione di Mattarella è stata una buona premessa per il rispetto della Carta e per i valori che la fondano. Tutto dipende alla fine dallo sciagurato patto del Nazareno." Anch'io la penso così. Nelle prossime settimane potremo finalmente avere le idee più chiare sul futuro della repubblica.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa