Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Miseria e ipocrisia dell'intellettualità italiana di fronte all'arresto di Assange

Giulietto Chiesa

Miseria e ipocrisia dell'intellettualità italiana di fronte all'arresto di Assange

di Giulietto Chiesa
Tutti difensori dei diritti umani. Ma, siccome li violano tutte le sere, privando la gente di una informazione decente, ovviamente non amano i disturbatori della quiete del Potere

Ieri sera ho guardato qua e là la tv. Poi ho smesso. Stamane guardo i giornali, ma ho smesso di nuovo. Per la nausea.
C'è quello che condanna Assange (giornalista, non faccio nomi, è inutile) perché "gli Stati hanno bisogno delle loro zone d'ombra" (sic).
Un altro (giornalista) lo condanna perché ha rivelato segreti di Stato.
Un terzo (giornalista) dice che "avete notato che non ha mai rivelato i segreti del Cremlino?"
C'è un piddino che lo qualifica come agente di Mosca.
C'è un'altra (scrittrice) che afferma che è un "personaggio ambiguo".
Nessuno lo "assolve", per carità! I talk show vanno avanti imperterriti con il loro susseguirsi di nani e ballerine, parlando d'altro, come se nulla fosse accaduto. Sono condotti da giornalisti, che non fanno i giornalisti ma gli addetti alle pubbliche relazioni del Potere, figuriamoci se possono assolvere Julian Assange.
Sono tutti difensori dei diritti umani. Ma, siccome loro li violano tutte le sere, privando la gente di una informazione decente, ovviamente non amano i disturbatori della quiete del Potere. C'è quella (giornalista) che arriva a dire, a mezza bocca, che Assange è stato coinvolto nell'affare Russiagate. Dimentica di dire che lo stesso inquirente Robert Mueller non ha trovato niente di niente in materia. Chi lo ha coinvolto sono stati la CIA e l'FBI, proprio coloro che Assange ha sputtanato. Lo vedi il collegamento? A nessuno viene in mente che si sta consumando sotto i loro occhi uno dei più grandi insulti al giornalismo mai visti da quando il giornalismo esiste. Che stiamo guardano una minaccia contro tutti coloro che vorranno dire la verità. Che, certo, i governi e i potenti hanno qualcosa da nascondere (che ci vuoi fare?), ma che compito dell'informazione, ineludibile, è quello di andare a scoprire i loro nascondigli e di rivelarli al pubblico, ai popoli. E che, se non lo fa, l'informazione, cessa di essere tale. Al momento non si vede nessuna mobilitazione, tutti se ne stanno bene acquattati. Vietato parlare male dell'America.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa