Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Io sto con Angelo Niceta

Giulietto Chiesa

Io sto con Angelo Niceta

chiesa giulietto pandoratv 500Interrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari
di Giulietto Chiesa

Che è in sciopero della fame da 28 giorni.
Perché?
È un cittadino incensurato che, volontariamente, ha informato la magistratura in qualità di “persona informata sui fatti” di mafia a sua conoscenza, perfino quelli di un ramo della propria famiglia. Dichiarazioni pesantissime, che tirano in ballo il "gotha" di Cosa nostra, dal gruppo Guttadauro a Matteo Messina Denaro. In seguito alle sue dichiarazioni, rese ai pm Pierangelo Padova e Antonino Di Matteo, verificate e considerate attendibili, la Procura della Repubblica di Palermo ha chiesto l’inserimento di Angelo e della sua famiglia nel programma “speciali misure di protezione del Ministero dell’Interno” in qualità di Testimone di Giustizia.
Ma “qualcuno” (da identificare e, a mio avviso, da sottoporre a provvedimento penale) ha cambiato, senza avvertirlo, il suo status: da quello di Testimone a quello di Collaboratore di Giustizia.
Ma, in base alla Legge n. 45 del 13 febbraio 2001, essere Collaboratore di Giustizia significa essere equiparato a soggetto “interno” all’organizzazione criminale che fornisce le sue dichiarazioni in cambio di benefici processuali, penali e penitenziari.
Angelo Niceta ha dunque rifiutato di essere trattato come Collaboratore di Giustizia. Ora si trova esposto alla vendetta mafiosa, senza lavoro, senza protezione, senza mezzi di sostentamento. Lui e la sua famiglia.  
Questa non è giustizia. È esporre a pericolo di vita chi ha scelto di rivelare i segreti a sua conoscenza della Palermo borghese e mafiosa. Esiste una petizione, su Change.org (ha già raggiunto 24.000 firme), che chiede:  
a) Il riconoscimento anche formale del suo status di Testimone di Giustizia;
b) L'attivazione della scorta e delle altre misure di protezione a tutela sua e della sua famiglia;
c) L'intervento del Comune di Palermo a mettere in atto le misure in suo potere per fare fronte all'attuale gravissima situazione di isolamento sociale ed indigenza economica che si è creata a causa della sua "scomoda" testimonianza.
Ottenere queste richieste significa salvare la vita di Angelo Niceta. Giulietto Chiesa e Pandoratv.it sono con lui.

ARTICOLI CORRELATI

Interrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa