Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa L'inquietudine dei satelliti

Giulietto Chiesa

L'inquietudine dei satelliti

g7 REUTERS jonathan ernstdi Giulietto Chiesa
La presidenza italiana di turno del G-7 di Taormina ha scelto un tema insolitamente sincero: “Costruire le fondamenta di una nuova fiducia”.

Infatti la fiducia reciproca  c'è sempre meno, anzi non c'è. Le fondamenta esistenti, quelle che hanno retto fino a ieri, erano appoggiate  sull'idea che il XXI secolo sarà americano. I più lungimiranti dei leader europei credo comincino a capire che il XXI secolo non sarà il secolo americano. L'elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti ha improvvisamente posto all'ordine del giorno un interrogativo aggiuntivo: vogliono gli Stati Uniti essere al comando di una coalizione almeno formalmente di "uguali"? Oppure lo slogan di tutti i tempi, quello dell'America insostituibile, quello dell'America uber alles, sarà sostituito da un'"America  first", che si sente ormai così forte da poter fare a meno di tutti gli altri?

Un'America decisa a andare avanti da sola, senza neanche guardare indietro alla fila sgranata dei partners che, faticosamente cercheranno di restarle agganciati?  Le battute preparatorie che Trump ha "twittato" verso gli alleati, attraverso le tappe di Riyadh, Tel Aviv, Roma, Vaticano, Bruxelles e di nuovo Roma, sono state volte a rassicurarli: non vi abbandonerò al vostro destino. Anzi, inaspettatamente il discusso capo dell'Impero ha chiesto (e ottenuto immediatamente dagli alleati, quasi con un sospiro di sollievo collettivo) di coinvolgere la Nato, tutta la Nato, nel groviglio medio-orientale.

Sappiamo che gli alleati erano già inclusi, e fino al collo: i servizi segreti inglesi, francesi, tedeschi, olandesi, turchi, hanno preso parte e continuano a farlo, alla guerra di Siria contro il suo governo legittimo e il suo presidente. Adesso anche L'Italia, e tutti gli altri, saranno chiamati a combattere teoricamente, il "terrorismo islamico". E la baraonda si farà ancora più complicata e ingestibile. Tanto più che con Assad c'è Putin. Ma il significato politico dell'offerta di Washington è stato colto con piacere dagli europei, come un segno, appunto, di "fiducia".

Il problema è che non è chiaro cosa significhi, per Donald Trump, "combattere il terrorismo". Dai colloqui con i sauditi e con Israele, è parso di capire che il "capo" è stato convinto a continuare sulla linea di Barack Obama.  Anzi, con un rincaro della dose per il futuro: l'attacco contro l'Iran — che ha fatto andare in sollucchero il sovrano Saudita e il premier Netanyhau — indicato come il protettore del terrorismo. Insomma: come Obama, peggio di Obama.

E qui, non basterà neanche tutta la buona e supplice volontà dei vassalli per comprendere dove stanno per essere trascinati. Verso una guerra con l'Iran? Non basta quella che c'è? E potrà la discussione sul "Gender" essere condotta in modo soddisfacente per gli europei, con un presidente che sembra essere più che disinteressato, scettico, verso una tale questione?

E che ne sarà delle posizioni sullo stato dell'economia mondiale, o dei mutamenti climatici, quando il G-7 è ormai ridotto ad essere esclusivamente l'Occidente e un Occidente che conta sempre meno? Papa Francesco non sarà a Taormina, ma non sorrideva affatto — lui che è sempre sorridente — durante l'incontro con Trump in Vaticano

L'offensiva "globalizzatrice" di Xi Jinping, con la fascinosa "Una cintura, una strada" sarà a Taormina il convitato di pietra. Vassalli sì, ma l'entusiasmo è ridotto. E la "fiducia" manca. Molti dei capi di Stato e di Governo che si riuniscono a Taormina si troveranno vicino alla fermata occidentale della "Via della Seta". Sarà difficile dissuaderli dall'entrare  nel negozio.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © REUTERS/ Jonathan Ernst

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa