Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa 11 settembre, due domande dopo 15 anni

Giulietto Chiesa

11 settembre, due domande dopo 15 anni

11 sett torri gemelle big1di Giulietto Chiesa
Ho  rilasciato, in questi giorni cinque interviste a diverse televisioni russe; otto interviste e articoli a giornali russi, a agenzie internazionali, a siti web. Ho visto (e ripubblico su www.pandoratv.it) la sintesi che Massimo Mazzucco ha prodotto, in occasione del quindicesimo anniversario dell’11/9, del suo monumentale lavoro intitolato “La Nuova Pearl Harbor”. Penso che sia impossibile insistere con le parole. Bisogna vedere e ragionare.

Vi ripropongo qui soltanto le due domande finali di questo suo ultimo lavoro. Domande che valgono per tutti, senza distinzione alcuna, qualsiasi sia la loro storia, la loro provenienza ideologica (se ce l’hanno), la loro religione (se ce l’hanno), il loro credo politico (se ne hanno ancora uno). La “guerra infinita” che fu annunciata allora e prese inizio da quella tragedia, ci ha ormai raggiunto. E’ qui.

1) Domanda: Se tu fossi a conoscenza di una consistente prova che possa mettere in discussione la versione ufficiale di quell’evento e che implichi il coinvolgimento di alcuni membri del governo statunitense nell’attacco terroristico, allora sarebbe più anti-patriottico e anti-americano il chiedere una nuova indagine? Oppure lo sarebbe il fare finta di niente e insistere che una tale prova non esiste?

2) Domanda: Poiché la fiducia delle persone nelle istituzioni è questione di cruciale importanza per il benessere e la stabilità di una nazione, ritieni che una tale fiducia sarebbe meglio rafforzata negando l’evidenza di una cospirazione, oppure  portando di fronte a una corte penale coloro che sono sospettati di averla fatta, affinché ne rendano conto?

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa