Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Il diavolo contro l'amico di Putin per l'illusione democratica a stelle e strisce

Giulietto Chiesa

Il diavolo contro l'amico di Putin per l'illusione democratica a stelle e strisce

NEWS 260198Ormai è l'inganno sistematico quello che decide le sorti delle elezioni della 'democrazia' USA
di Giulietto Chiesa
È difficile rimanere seri di fronte alla campagna elettorale della "prima democrazia" del mondo. Cioè dell'America. Dove l'aggettivo "prima" non significa in ordine di tempo (l'Inghilterra viene prima), né in ordine di grandezza (l'India è circa quattro volte più popolata).

Significa che l'America, cioè gli Stati Uniti d'America, si considera in diritto di dettare le sue regole a tutti gli altri.

I due candidati a guidare questa "grande democrazia" si stanno accapigliando pubblicamente, prima ancora di contare i voti, accusandosi di ogni nefandezza. Ché, se gli elettori americani sapessero cos'è la democrazia, non eleggerebbero mai né l'uno né l'altro e, anzi, comincerebbero a sparare sul quartier generale invece che ad ammazzarsi tra di loro in base al colore della pelle o della religione che professano. Ma poiché gli elettori americani della "prima democrazia" non hanno la minima idea di cosa sia la democrazia, evidentemente non se ne accorgono e, una piccola parte di loro finirà per eleggere uno di questi due che sono stati messi in vetrina da qualcuno che non si sa bene chi è.

Donald Trump ha recentemente accusato Hillary Clinton di essere nientepopodimeno che "il diavolo". Tra gli applausi dei suoi sostenitori che voteranno per lui pensando di votare per il Partito Repubblicano. Il quale partito non aveva nessuna intenzione di lasciarlo arrivare al punto in cui è, cioè alla soglia della presidenza, e si stanno mordendo le mani perché temono, loro più di tutti gli altri, che sia eletto.

Ma il record di questa campagna lo ha già battuto la moglie di Bill Clinton, la quale ha accusato Donald Trump di diverse "cosette" piuttosto pesanti. Primo: di essere "amico di Putin", cioè amico del nemico numero uno dell'America. In secondo luogo ha accusato Trump di avere usato I suoi legami di amicizia con Putin per entrare in possesso delle sua mail e di quelle del Partito Democratico. Che c'entri Putin con tutto ciò è impossibile da dimostrare. E infatti la Clinton non ha nessuna intenzione di dimostrare niente a nessuno. Le basta strillare ai microfoni di qualche televisione che Putin ha violato I segreti delle sue mail e li ha regalati al suo amico Trump per farlo eleggere alla presidenza della più "prima democrazia" del mondo.

La truffa è talmente evidente (purtroppo per pochi) che perfino il Washington Post ha preso le distanze dalle accuse della candidata democratica contro Putin. Se non altro prendendo atto che è almeno un decennio che USA e Russia si controllano reciprocamente attraverso il web, e dunque è impossibile dire chi è stato il primo. Adesso perfino Assange e Snowden passano in secondo piano. La colpa è solo della Russia, perfino se l'America elegge un presidente invece che un altro.

Ma ormai è l'inganno sistematico quello che decide le sorti delle elezioni "democratiche". Tutto il mainstream occidentale si è scatenato in accuse contro la Russia e contro Putin. La signora Clinton usa Putin per cercare di vincere le elezioni negli USA; il mainstream occidentale è già istruito a usare Trump per incrementare la campagna russofobica che servirà alla Clinton per aumentare il livello dello scontro mondiale: contro la Russia, oggi, contro la Cina domani.

Fonte: it.sputniknews.com

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa