Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa MH17: La risposta pasticciata dei servizi segreti

Giulietto Chiesa

MH17: La risposta pasticciata dei servizi segreti

mh17-c-apantonio-bronicdi Giulietto Chiesa - 26 dicembre 2014
O tempora, o mores! I servizi segreti europei paiono essere in piena decadenza. Forse a causa del fatto che sono delle semplici filiali della CIA.
Lo dimostra la fretta pasticciona con cui rispondono alle notizie provenienti da Mosca sull’abbattimento del Boeing Malaysiano il 17 luglio di quest’anno nei cieli dell' Ucraina. La Komsomolskaja Pravda pubblica le rivelazioni di un testimone oculare dell’abbattimanto, che ha visto e sentito il pilota del Sukhoi 25, che lo ha effettuato mediante un missile aria-aria, che ne rivela nome e cognome?

Ecco che un’emittente olandese, RTL, di gran carriera, praticamente il giorno dopo, annuncia di avere “le prove fotografiche” di un missile terra-aria, scattate da un fotografo che deve rimanere anonimo "per proteggere la sua sicurezza”. Neanche le foto (sarebbero tre di numero) vengono esibite, naturalmente. Poi si scrive che diversi “esperti” hanno già potuto identificare coloro che lanciarono il missile, cioè i ribelli del Donbass. Infine si dice che le foto e l’apparecchio fotografico sono state già consegnate alla commissione ufficiale, che sembrerebbe averle prese sul serio.

Riassumendo: nulla si sa del fotografo; le foto non vengono mostrate; i colpevoli sono di nuovo quelli annunciati, senza alcuna prova, poche ore dopo l’abbattimento; si aggiunge la conclusione di non ben precisati esperti che riportano la questione nel vicolo cieco nel quale si trova da cinque mesi.

C’è una vivace espressione veneziana che ben si adatta sia al comportamento dei suddetti servizi segreti, sia a quello dei giornalisti “bocconi” che riportano informazioni fasulle prodotte da quelli: dice che “l’è peso el tacòn del buso”.

Tratto da: italian.ruvr.ru

Foto © AP/Antonio Bronic

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa