Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Putin, discorso alla nazione che deve far da sé

Giulietto Chiesa

Putin, discorso alla nazione che deve far da sé

NEWS 225834di Giulietto Chiesa - 4 dicembre 2014
La Russia deve imparare a fare da sé, se vuole conservare la propria sovranità. E, senza sovranità, non c'è la Russia. Le sfide inedite del presidente russo
E' stato, quello di Vladimir Putin, un vero e proprio "discorso alla nazione", di fronte a emergenze che, un anno fa, sarebbero state impensabili.
E Putin lo ha affrontato da leader che riconosce due cose: la gravità della situazione internazionale e i seri problemi che le sanzioni impongono e imporranno al paese, da un lato. Dall'altro la consapevolezza che una gran parte del popolo russo è dalla sua parte e che ad esso la dirigenza politica può chiedere dei sacrifici.
Paradossalmente la scossa, prodotta dal ritorno in patria della Crimea (che è una delle questioni del contenzioso con l'Occidente) è anche quella che ha risvegliato lo spirito russo e ha innalzato il rating personale di Putin. Su questo punto, dunque, nessuna marcia indietro. La Crimea in Russia è un fatto "di importanza storica". E lo stato russo deve ora adempiere tutti gli obblighi, economici, politici istituzionali che si è assunto accettandone il ritorno sotto la sovranità russa.
All'Occidente Putin risponde sul doppio binario tenuto in questi mesi, seguiti al colpo di stato di Kiev: con la Russia "non si può parlare da posizioni di forza", ma la Russia "non è in cerca di nemici" e vuole il dialogo. La Russia non intende "farsi coinvolgere nella corsa al riarmo", ma si difenderà e ritiene di potersi difendere.

Gli appelli al patriottismo sono stati numerosi e chiari. Sull'Ucraina toni duri e, insieme, buone parole. La Russia rispetta il "popolo fratello" di Ucraina, e si offre perfino di aiutare. Ma c'è stato un colpo di stato, e questo non può essere ignorato (la Crimea se n'è andata per questa ragione, e il Donbass combatte per difendersi dalle sue conseguenze).
Non siamo noi a ingerirci nei suoi affari interni - ha detto Putin accennando indirettamente alla presenza americana all'interno del governo di Kiev. Ma il crollo del rublo, in parallelo con quello del prezzo del petrolio, pongono numerose questioni. Forse un giorno si dirà che questo discorso di Putin è stato il discorso dell'inizio della fase autarchica.
La Russia deve imparare a fare da sé, se vuole conservare la propria sovranità. E, senza sovranità, non c'è la Russia.
Dunque una serie di misure cruciali sono annunciate: sostegno del rublo facendo ricorso ai fondi di riserva accumulati durante le vacche grasse. Dunque sostegno alla piccola e media impresa, credito alle start-up, amnistia totale ai capitali che rientrano, riorganizzazione dell'apparato produttivo nei settori chiave dello svilupo tecnologico e delle commesse militari, forte intervento a sostegno dell'agricoltura. E una serie di secchi avvertimenti al sistema di corruttele che Putin non è riuscito a scalzare nei 14 anni in cui è stato al potere. Chi ruba è equivalente a un traditore della patria. La corruzione "è un attentato alla sicurezza nazionale".
Nel complesso un discorso che non piacerà a Obama e alla Merkel, e che gli creerà qulche nemico in più dentro gli apparati e tra gli oligarchi "liberali" che hanno i capitali all'estero. Ma che può mobilitare una parte importante del paese. Almeno per un certo periodo di tempo. Quello in cui Putin spera, che lo separa da una risalita del prezzo del petrolio sui mercati internazionali. Quattro o cinque anni. Ma da qui ad allora ci saranno altri discorsi alla nazione.

Tratto da: megachip.globalist.it

Foto: Sputnik, Aleksey Nikolskyi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa