Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Slava Ucraina

Giulietto Chiesa

Slava Ucraina

abromavicius-aivarasdi Giulietto Chiesa - 3 dicembre 2014
Kiev dà la cittadinanza ucraina ai soldati stranieri e a tre ministri chiave. Ormai è un paese commissariato dagli USA. Ma non era Mosca a invadere?
Due interessanti notizie da Kiev. La prima è che Petro Poroshenko ha deciso di concedere la cittadinanza agli stranieri che combattono nel Donbass contro gli "aggressori russi". Buono a sapersi (ufficialmente).
La seconda è che tre ministri del nuovo governo di Kiev saranno stranieri. Per poco. Infatti è già stato deciso che riceveranno immediatamente, anche loro la cittadinanza ucraina.
Slava Ukraina, protettorato.

Si tratta di Natalia Jaresko, di nazionalità americana (Ministero delle Finanze); di Aivaras Abromavicius (in foto), di nazionalità lituana, ma dopo avere ricoperto incarichi nel Dipartimento di Stato USA, dunque anche lui americano (Ministero dell'economia); di Alexander Kvitashvili, georgiano di nazionalità (Ministero della Sanità). Avevano proposto anche a Mikheil Saakashvili, ex presidente georgiano, uomo degli Stati Uniti, ma ha rifiutato.
Comunque si vede bene che è Washington a prendere le decisioni di Kiev. Slava Ucraina.
Non viene nascosto che a questa operazione ha preso parte, direttamente, la Fondazione Renaissance di George Soros. Sono stati i suoi funzionari a scegliere i nuovi ministri in una rosa più ampia che è stata compilata dai "cacciatori di teste" del suo entourage.
Slava Ucraina, che voleva liberarsi dal "giogo" russo (che non c'era da almeno 23 anni). E che adesso è commissariata da Washington.
A proposito: ma non era Putin che aveva invaso l'Ucraina? Nel frattempo dev'essere successo qualcosa.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa