Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa L'ammissione

Giulietto Chiesa

L'ammissione

putin-target-webdi Giulietto Chiesa - 20 novembre 2014
Come mai Kolomoyskyi conosce così tante cose circa l'abbattimento del Boeing? L'Ustica ucraina fu un errore di chi voleva abbattere Putin?
Lifenews (rete tv russa) ha dato la registrazione di un colloquio privato del governatore di Dnepropetrovsk, l'oligarca Ihor Kolomoyskyi (tratto in inganno da una finta telefonata).

Ecco i passaggi più interessanti: l'abbattimento del Boeing "è stato una sciocchezza" e "una pura casualità" . Inoltre "nessuno voleva distruggerlo". Ancora: "hanno mirato su uno e hanno colpito un altro". Con l'aggiunta: "tu capisci bene, questo succede quando faccende serie vengono messe in mani che non sono quelle giuste. Come risultato ne è venuta fuori una sciocchezza".
Ammazzare 298 persone è "una sciocchezza"? Se gli autori di quell'operazione fossero stati i ribelli, Kolomoyskyi l'avrebbe definita così? E quali sarebbero state le "cose serie" che non sono state affidate alle "mani giuste"? E come mai Kolomoyskyi conosce così tante cose circa l'abbattimento del Boeing, visto che l'inchiesta non è stata conclusa e anzi gl'inquirenti ufficiali non hanno ancora detto quasi niente (mentre i servizi segreti tedeschi e tutte le fonti occidentali sparano - è il caso di dirlo - conclusioni palesemente false)?
Vogliamo tentare una spiegazione? L'aereo malaysiano passò sui cieli di Varsavia alle ore 15:44; l'aereo di Putin intersecò la sua rotta, sopra Varsavia, alle ore 16:21 (orari di Mosca). Il Canale Uno della Tv russa riferì questi dati il giorno dopo l'abbattimento. Si aggiunga che non solo le dimensioni dei due aerei erano molto simili, ma anche i colori sulla carlinga.
A distanza di tre-quattro chilometri e con velocità relative molto alte un errore di identificazione è estremamente facile.
La "faccenda seria" era dunque uccidere il presidente russo?

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa