Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Ucraina, una modesta proposta: esportiamogli olio di ricino

Giulietto Chiesa

Ucraina, una modesta proposta: esportiamogli olio di ricino

NEWS 218507di Giulietto Chiesa - 3 ottobre 2014
Giulietto Chiesa: i metodi usati a Kiev potranno diventare moneta comune anche nelle nostre elezioni: oppositori nei cassonetti, bastonature. Manca solo l'olio di ricino.
Nella democratica Ucraina è in corso la campagna elettorale. A colpi di monumenti a Lenin abbattuti; di candidati non sufficientemente antirussi gettati nei cassonetti dell'immondizia (dopo essere stati abbondantemente picchiati e feriti); di potenziali candidati esclusi preventivamente dalla "legge" che ha messo fuori legge il partito comunista; di bombardamenti attorno a Donetsk che continuano a ammazzare decine di civili, tra cui bambini e donne (notoriamente feroci terroristi).

Di questa campagna elettorale i media italiani ed europei parlano poco. Un vero peccato!

Dovrebbero. Molto presto questa Ucraina (tra non molto nuova stella sulla bandiera americana) sarà anche un membro a pieno titolo della NATO e, subito dopo, ce la troveremo nel Parlamento Europeo.
I metodi che vengono usati a Kiev e Kharkov potranno così diventare moneta comune anche nelle nostre elezioni. Così, finalmente, anche noi potremo gettare nei cassonetti qualcuno dei nostri deputati e ministri. Del resto noi italiani (i nostri padri) abbiamo già fatto l'esperienza con l'olio di ricino.

Dovremmo mandare un gruppo di esperti e consiglieri in Ucraina, per suggerire l'introduzione dell'olio di ricino nella campagna elettorale.
A questo ancora non hanno pensato, forse perché i consiglieri americani non gli hanno suggerito niente in merito.
Comunque meglio suggerirgli l'olio di ricino che mandargli altre armi. A questo pensano già inglesi e americani.
Si chiama divisione internazionale del lavoro.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa