Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Ucraina: un'arma contro Russia e Europa

Giulietto Chiesa

Ucraina: un'arma contro Russia e Europa

obama-natural-gasVIDEO
di Giulietto Chiesa - 18 marzo 2014

Si va verso una guerra fredda, nuova, o verso una guerra calda? E di che guerra si tratta? Nessuno parla di pace, e questo già dovrebbe preoccuparci.
In coda all'articolo un servizio in argomento tratto da Pandora TV.
Siamo avviati verso un guerra fredda, nuova, o verso una guerra calda? E di quale guerra si tratterebbe? Certo nessuno parla di pace, e questo già dovrebbe preoccupare molti. Invece non è così: tutti sembrano ignorare il pericolo. Ma, nel silenzio quasi generale, c'è chi pensa al nostro futuro.
Per esempio negli Stati Uniti è in corso la resurrezione dei "sovietologi", cioè quelli che, con i loro consigli a Clinton, contribuirono non poco allo smantellamento dell'URSS.
Pare che a Washington ci sia carenza di cervelli preparati alla bisogna, cioè allo smantellamento, questa volta, della Russia. In un articolo del New York Times, significamente intitolato "Perché la Russia non può permettersi un'altra guerra fredda", Anders Aslund e Strobe Talbott indicano la via di un "contenimento" più o meno morbido della Russia di Putin. Di più, secondo loro, non occorre, perché il leader russo è considerato praticamente già defunto. Se non altro dal punto di vista politico.

Non è un ottimismo di facciata. È la convinzione che gli Stati Uniti hanno già vinto anche questa offensiva. La Crimea diventerà russa? Sia pure, ma l'Ucraina è stata conquistata. Quanto basta per portarla nella NATO, cioè per far saltare in aria l'intero sistema della sicurezza europea portando i missili 300 km più avanti verso nord e verso est. La Crimea sarà ripresa subito dopo, quando Putin e la Russia saranno stati liquidati entrambi.
C'è perfino chi ironizza sulla mossa crimeana del presidente russo: poveretto, non poteva fare di più. Perché? Perché - scrive il NYT - "la Borsa di Mosca gli stava facendo, mentre lui fletteva i suoi muscoli, un referendum ostile". Mentre Putin mandava i suoi marines a rafforzare la guarnigione di Crimea e la base navale di Sebastopoli, l'indice RTSI crollava del 12% in poche ore, in pieno panico, giungendo a infliggere una perdita di oltre 60 miliardi di dollari, più del costo delle olimpiadi di Sochi. Il rublo in caduta libera costringeva la Banca Centrale russa ad alzare il tasso d'interesse dell'1,5% per evitare un crollo vero e proprio.

Naturalmente Aslund - che è ora senior fellow dell'Istituto Peterson per le relazioni internazionali - usa l'arsenale della propaganda di Washington, attribuendo a Putin l'intenzione di invadere l'Ucraina, cosa che Putin non ha nemmeno preso in considerazione. A Washington usano spesso l'artificio consistente nell'attribuire all'avversario ciò che loro pensano. La Russia - che pure persegue il proprio interesse e, dunque, tende a ricompattare attorno a sé quanta più ex Unione Sovietica è possibile. Ma Putin ha ripetuto che le sue intenzioni e quelle della Russia non includono la riconquista militare di nessuno dei paesi ex URSS, dunque nemmeno dell'Ucraina. In effetti molte cose confermano che Mosca avrebbe preferito un referendum più morbido di quello deciso a Simferopoli. Ma, di fronte alla reazione di paura dei russi di Ucraina e di Crimea, dopo la carneficina di Maidan, una sua linea cedevole avrebbe provocato una estesa protesta non solo in Ucraina, ma in tutta la Russia.

Ciò detto, per sgomberare il campo dalla propaganda, resta da ammettere che i numeri forniti da Aslund sono reali. Gli Stati Uniti hanno leve decisive, finanziarie e politiche per fare i conti con Putin, se questi dovesse decidere di non cedere nulla per quanto concerne gl'interessi della Russia. A Washington sanno bene che le maggiori compagnie energetiche della Russia sono maggioritariamente statali. Metterle in difficoltà significa mettere in crisi il bilancio della Russia. Nello stesso tempo tutte le compagnie globalizzate russe sono quotate nelle Borse di Wall Street, di Londra, di Parigi e di Francoforte. Quasi la metà degli azionisti di Gazprom sono americani (secondo JP Morgan Securities) e la banca che detiene in custodia i loro assets è la Bank of New York Mellon. E' la globalizzazione, bellezza, dice Strobe Talbott, ora presidente del Brookings Institution. Tutte le banche russe sono saldamente incastonate nel sistema finanziario globale. Così lo è anche Rosneft, ora la prima compagnia petrolifera mondiale.
Dunque a Washington pensano di poter punire Putin , in caso insista, in molti modi. L'Ucraina conquistata diventa la nuova arma - energetica- per legargli le mani. Quasi metà dell'esportazione russa va in Europa, e tre quarti di essa è fatta di gas e petrolio. E tutto questo passa in gran parte dagli oleodotti ex sovietici che attraversano l'Ucraina. Una Ucraina "americana" significa che quei rubinetti diventano americani. Certo l'Europa ha bisogno del gas russo, e in caso di chiusura di quei rubinetti, dovrà soffrire non poco. Ma la signora Nuland non ha forse detto "fuck EU"? L'essenziale è che chiudere quei rubinetti significherà infliggere alla Russia una perdita di 100 miliardi di dollari all'anno.

Potrà Putin mantenere il livello di consenso di cui attualmente gode in Russia, se dovesse chiedere ai russi di stringere la cinghia e ridurre i consumi? E cosa faranno gli oligarchi russi che hanno trasferito nelle banche occidentali qualche trilione di dollari, che potrebbero essere improvvisamente sequestrati dagli Stati Uniti, congelati a tempo indefinito per punire la Russia riottosa? Può permettersi tutto questo Putin? La risposta di Talbott è "no".

Certo bisognerà promettere qualche cosa in cambio agli europei, che hanno tutto da perdere. Per esempio il gas naturale norvegese. E il gas che Stati Uniti e Canada cominciano a produrre dagli scisti bituminosi: gas a basso prezzo, anche se devastante per l'ecologia. Ma che importa? Obama è partito in quarta. C'è un nuovo Eldorado pochi metri sottoterra. Servirà per i prossimi quindici anni, per dare agli USA una minore dipendenza dall'importazione energetica esterna, e anche, nello stesso tempo, per incatenare l'Europa agli Stati Uniti.

Sfortunatamente tutto questo gas dovrà essere prima liquidificato, all'origine, e poi nuovamente rigassificato, all'arrivo. Si annunciano investimenti colossali. Ma quanto tempo ci vorrà? Non meno di sei-sette anni. Nel frattempo aspettiamoci aumenti pesanti della bolletta del gas. E un colpo a tutte le imprese manifatturiere europee, tedesche incluse.

E la Russia? Sarà specularmente anch'essa in difficoltà. Mosca ha un altro mercato che aspetta il suo gas. Più grande di quello europeo. E' la Cina. Ma ci vorranno sei o sette anni perché possa arrivare a destinazione.
Washington è passata all'offensiva senza andare per il sottile. Per la prima volta dalla seconda guerra mondiale un governo europeo è apertamente nazista. Perché una tale accelerazione? La risposta non viene da Washington: sui destini dell'Occidente gravano nuvole molto nere. Bisogna vincere prima che arrivi la tempesta. Così pensano. Dopo di loro, il diluvio.

Fonte: ilmanifesto.it/loccidente-sanziona-chi

Tratto da: megachip.globalist.it

IN ARGOMENTO, IL SERVIZIO SU PANDORA TV

NewsExtra 191711

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa