Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Vladimir zar di Russia

Giulietto Chiesa

Vladimir zar di Russia

putin-vladimir-web0di Giulietto Chiesa - 6 marzo 2012 - AUDIO
Putin eletto con i soliti brogli. Ma questa volta ha preso coscienza che c'è un'opposizione. E ne terrà conto. La Russia da sempre preferisce la stabilità alla democrazia. Putin come Berlusconi? Hanno la stessa idea di democrazia, ma hanno stili e culture diverse.



Putin ha vinto ancora le elezioni in Russia. Eppure già si parla di brogli. Come da copione, in Russia...

C'è da dire che tutte le elezioni che sono state fatte dal 1989 in avanti sono state variamente truccate. E questo non sono io a dirlo, ma è stato lo stesso Presidente uscente Dmitry Medvedev a renderlo palese. Medvedev, qualche giorno prima delle elezioni, incontrando un gruppo di parlamentari e dirigenti politici dei partiti che erano stati esclusi dalle elezioni della Duma, aveva detto: "Non siate così stupiti, del resto voi tutti sapete che anche le prime elezioni che elessero Boris Eltsin nel 1996 furono truccate". Naturalmente in quel caso tutto l'occidente, è giusto ricordarlo, applaudì all'unanimità alle elezioni democratiche in Russia. Ma se si fosse guardato con attenzione, si sarebbe scoperto che erano state truccate anche quelle!
Quindi, il fatto che oggi si parla di brogli alle elezioni russe, non mi stupisce per niente. Sono convinto che in tutte queste elezioni c'è stata un'operazione di ritocco, in qualche caso anche molto marcato. Specie nelle zone più periferiche del Paese.

A che punto è la democrazia in Russia? Giusto ricordare che è uno dei Paesi dove viene ucciso il maggior numero di giornalisti "scomodi"...
Secondo me è giusto partire dicendo che anche in italia non abbiamo una grande libertà. Il nostro pluralismo è molto relativo. Certamente in Russia la situazione è ancora peggio. C'è da dire che sono paesi che hanno culture diverse, tradizioni diverse. Noi abbiamo la Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza, loro hanno una Costituzione fatta in modo autoritario, quindi non possiamo aspettarci da loro che siano uguali a noi. Non lo sono. I nostri standard democratici per loro non funzionano. La cosa più giusta da fare è misurare cosa era la Russia qualche anno fa e cosa è oggi, misurare la Russia con sé stessa, insomma. Non con il nostro metro che non si sa bene per quale motivo dovrebbe fare da pietra di paragone anche per loro.
Se dovessimo ragionare in termini di cruda definizione democratica, potremmo dire tranquillamente che il popolo russo non sa ancora cosa sia la democrazia. Nella sua grande maggioranza si adatta a scegliere il leader che gli viene proposto. Sceglie dopo il grande trauma subito con il crollo dell'Unione Sovietica, sceglie in questo caso l'uomo che garantisce la stabilità. E lo sceglie come? Con brogli, nel senso che è una scelta sostanzialmente maggioritaria ma che viene presentata come una scelta plebiscitaria che invece non è!
Probabilmente con un voto pulito Putin avrebbe vinto ugualmente, ma non avrebbe vinto al primo turno, avrebbe vinto al secondo turno e non avrebbe vinto con il 66% abbondante, ma avrebbe vinto con il 50, con il 51 al secondo turno. Questo è il quadro reale. I russi sostanzialmente preferiscono la stabilità alla democrazia.

Putin è un po' il Berlusconi russo?
No non credo che si possano fare confronti, anche se sono amici. Sono due stili diversi, due culture diverse, due modi diversi di concepire il potere. Poi soprattutto c'è la diversità della dimensione, Putin è comunque il dirigente di un paese che è una potenza mondiale, Berlusconi non è mai stato dirigente di un paese di questo genere, quindi è stato un po' più arlecchinesco. Però sicuramente se dovessimo metterli insieme, penso che della democrazia abbiano più o meno la stessa idea. Adesso l'unica cosa che posso aggiungere è che nonostante tutto quello che ho detto fino a ora c'è una novità, cioè il fatto che in Russia esiste un'opposizione. E Putin ha capito che questa opposizione non è cancellabile, perciò non usa la forza. Oggi avremo una manifestazione nel pieno centro di Mosca in Piazza Pushkin che non era mai stata consentita prima. Sicuramente ci saranno centinaia di migliaia di persone che manifesteranno perché le elezioni sono state truccate, ma non credo che ci sarà l'intervento della Polizia, credo che Putin ha avviato un processo in cui in qualche maniera terrà conto che il paese non è più quello di 15/10/5 anni fa!



Tratto da: cadoinpiedi.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa