Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Il governo dei proprietari universali

Giulietto Chiesa

Il governo dei proprietari universali

chiesa-giulietto-web1di Giulietto Chiesa - «La Voce delle Voci», 5 dicembre 2011
Vorrei dire qualche cosa su di noi, o meglio su di voi, cari concittadini dell’Italia antiberlusconiana, che avete passato gli ultimi 17 anni della vostra esistenza a guardarvi nello specchio mentre esprimevate sdegno e ribollivate di disgusto.

Quegli stessi voi che adesso applaudite, entusiasti, Mario Monti, perché presumete (si capisce, basta guardarlo) che non si occuperà di bunga bunga.

Qualche giornale, spiritoso, ha titolato “siamo tutti più liberi”, o qualcosa del genere, scivolando sulla buccia di banana che fece capitombolare la democrazia italiana con l’avvento del centro- sinistra.  

Cari concittadini antiberlusconiani, mi viene in mente un altro piccolo fatto, accaduto tre anni fa, quando foste quasi tutti affascinati e entusiasti per l’elezione, finalmente, di un presidente nero e democratico, e già dalla nascita Premio Nobel per la pace. Contenti.

Anche in quel caso eravate convinti che fosse finito un incubo, quello dell’Impero dominato da un mentecatto.

Il fatto è che questi entusiasmi sono il frutto della vostra illusione. Ma di una illusione della quale voi siete colpevoli, direttamente responsabili, e che quindi non ha scuse.  

E l’altro fatto è che non tenete conto che non c’è liberazione se non la si guadagna.

Partiamo da questo secondo fatto. Chi vi ha liberato da Berlusconi? Non siete stati voi, questo è certo. È arrivato un misso dominico inviato da “coloro che tutto possono”, il cui scopo è “rieducarvi”. Siete entrati in un riformatorio e non ve ne siete accorti.

Vi ha detto che lui i poteri forti non sa che cosa siano e si è perfino offeso quando lo si è detto, da qualche parte, sommessamente. E subito la stessa coorte di servi che fino a ieri teneva bordone a Berlusconi si è messa a strepitare che chi osa dire cose del genere è un complottista.

Cari concittadini, state assistendo a uno spettacolo senza precedenti, che racconta l’arrivo al potere della nuova classe dei “proprietari universali”, e voi vi siete distratti guardando da un’altra parte. Infatti non avete pagato il biglietto, per ora.

Ma scoprirete presto che il teatro del riformatorio è freddo, le sedie sono di ferro, e la campana che suona in continuazione non sarà più quella della ricreazione. Ecco, vorrei mettervi in guardia: i “proprietari universali” non sono dei mecenati. Se sono arrivati a prendere il governo di Grecia, d’Italia; se hanno occupato la Banca Centrale Europea, c’è un motivo. Quale, secondo voi?

Io penso che sia perché non possono più fidarsi dei “posseduti” ai quali, fino ad ora, hanno assegnato il compito di delimitare le vostre libertà.

E sapete perché non si fidano più dei loro maggiordomi? Perché arrivano (anzi sono già arrivati) tempi duri per tutti, anche per loro.

Quando si porta al macello la mandria, infatti, occorre essere sicuri che nessuno esca dai ranghi. Siete stati cresciuti nel mantra del consumo e della concorrenza, ma adesso non ce ne sarà per tutti, come prima. E allora bisogna sfoltire le fila, in fretta.

Bisogna organizzare una società opposta a quella dell’abbondanza e, per farlo, ci vuole la mano dura. Ecco perché state entrando in riformatorio. Ed ecco perché non lo sapete: perché lo spettacolo che è stato allestito per voi da Berlusconi continua a funzionare anche adesso, quando vi si racconterà l’opposto di ciò che vi si raccontava prima.

I “proprietari universali” hanno solo cambiato il copione. E anche la troupe. Hanno solo chiesto a Giorgio Napolitano di spegnere un momento la luce, cioè la Costituzione, perché non si vedesse il gioco di prestigio. E infatti voi non vi siete accorti, per ora, che sul palco ci sono adesso tutti i maggiordomi, tutti insieme. C’è Bersano che abbraccia Alfano, c’è Casino che abbraccia Fino, c’è Di Pietro che abbraccia Letta, c’è La Russa che abbraccia Pannella, c’è Letta che abbraccia Letta. E c’è anche lui, Berlusconi. Proprio lui! Non ve ne siete accorti, vero?

Ma si spiega: le luci della scena erano puntate altrove. Quale parte giocherà ancora non risulta. Sul libretto dell’opera c’è solo il nome, mica scrivono la parte! La parte se la scrive lui. A voi toccherà solo assistere. E ben vi sta.

Tratto da: megachip.info

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa