Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giulietto Chiesa Scontri a Roma e provocatori. E' il momento della responsabilita' e della difesa democratica

Giulietto Chiesa

Scontri a Roma e provocatori. E' il momento della responsabilita' e della difesa democratica

di Alternativa - 14 dicembre 2010 - VIDEOCOMUNICATO ALL'INTERNO!
Il doppio voto parlamentare, che ha confermato al governo un indegno...


...e un inetto, getta la responsabilità di tutto quello che è accaduto  - e che potrebbe accadere - su una masnada di lanzichenecchi che ha usurpato il potere in Italia.

Se l'acqua si mette a bollire, responsabile è chi ha acceso il fuoco.
 

 

Roma, gli scontri con la polizia / 3 Le decine di migliaia di persone scese a Roma per manifestare lo avrebbero fatto anche senza il vergognoso voto di fiducia cui hanno assistito in diretta. Il voto è stato ed è uno schiaffo ulteriore in faccia a milioni di persone.
 
Ciò doverosamente detto, vogliamo soltanto aggiungere che chi ha le mani sporche non fatica a immergerle nel brago. Attenzione ai provocatori che, come sempre divisi in due schiere, i troppo ingenui e i troppo furbi, portano acqua al mulino di chi vuole distrarre l'opinione pubblica e confondere i suoi legittimi sentimenti d'indignazione.
 
Infine un appello a tutti coloro che non sono troppo furbi e troppo ingenui: Berlusconi si è salvato oggi, ma non può durare a lungo.
Ovvio che cercherà  e creerà provocazioni che possano consentirgli atti di forza in nome della legge che ha ripetutamente violato. Da un eversore non possiamo attenderci senso dello stato e rispetto della Costituzione. Quindi è il momento della responsabilità, dell'impegno e della mobilitazione in difesa della democrazia. Né più né meno.
Ai media privati non chiediamo nulla perché sappiamo che mentiranno. Da quelli pubblici esigiamo che dicano tutto quello che vedono e sanno. Ai giornalisti che hanno a cuore la democrazia chiediamo che rifiutino di raccontare bugie.

Tratto da: megachip.info


Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa