Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Giorgio Napolitano e la Trattativa Stato-Mafia

Giorgio Bongiovanni

Giorgio Napolitano e la Trattativa Stato-Mafia

di Giorgio Bongiovanni - Video
Sulle recenti scarcerazioni di boss mafiosi, detenuti al 41 bis o in alta sicurezza, che per motivi di salute ed il rischio contagio Covid-19 hanno beneficiato della concessione dei domiciliari, si è acceso un forte dibattito politico-giuridico.
Magistrati come Nino Di Matteo, Sebastiano Ardita, Nicola Gratteri e Catello Maresca (per citarne alcuni) in questi giorni hanno espresso opinioni concordanti sulla gravità di questi provvedimenti.
In particolare proprio Di Matteo, membro indipendente del Csm, commentando la scarcerazione di un boss detenuto al 41 bis come Francesco Bonura, evidenziava il rischio che certi episodi possano essere letti come “un segnale tremendo che rischia di apparire come un cedimento dello Stato di fronte al ricatto delle organizzazioni criminali che si è concretizzato con le violenze e le proteste delle settimane scorse nelle carceri di tutta Italia”.
Urge, dunque, un intervento perché, così come ha detto il consigliere togato del Csm Sebastiano Ardita, “l’umanità dell’esperienza penitenziaria non può essere messa in discussione, ma finché esiste Cosa nostra è necessario il 41bis”.
Diamo atto che nei giorni scorsi il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede, ha annunciato un provvedimento, che dovrebbe essere discusso in Consiglio dei ministri giovedì, con cui si punta a coinvolgere la Procura nazionale antimafia e antiterrorismo per evitare, da ora in poi, nuovi casi simili a quello Zagaria, Bonura o affini.
Va ricordato che il tema delle carceri, in particolare con l'abolizione del carcere duro e dell'ergastolo, era uno degli obiettivi principali che i boss di Cosa nostra avevano con la trattativa Stato-mafia, condotta a colpi di bombe.
Su quella stagione vi è stato un processo ed una sentenza. La Corte d'Assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, in primo grado, ha condannato boss mafiosi, ufficiali del Ros e politici. In quel dibattimento vi furono testimonianze autorevoli come quelle dell’ex ministro della giustizia Claudio Martelli che aveva apertamente parlato di una “dialettica bombe-concessioni” che aveva portato ad un “cedimento unilaterale da parte dello Stato”. Oppure le parole dell’ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ascoltato in un’udienza straordinaria al Quirinale, il 28 ottobre 2014, aveva detto che le bombe del '92 e '93 furono un “aut-aut” allo Stato, un “ricatto a scopo destabilizzante di tutto il sistema”.
E pensare che prima di testimoniare l'allora Capo dello Stato aveva manifestato diverse resistenze a cominciare dal conflitto di attribuzione senza precedenti contro la Procura di Palermo per la nota vicenda delle intercettazioni tra lui e l'allora indagato Nicola Mancino (assolto in primo grado). Telefonate che i pm hanno sempre definito irrilevanti e che sono state poi distrutte dopo la decisione della Consulta.
Alcuni lettori, recentemente, sono tornati a chiederci di ricordare quella scandalosa vicenda.
Il nostro editorialista, il giornalista e scrittore Saverio Lodato, più volte ha messo in evidenza certi aspetti. Nel luglio 2013, intervenendo nel tradizionale convegno che abbiamo organizzato come ANTIMAFIADuemila in memoria di Paolo Borsellino e gli agenti di scorta, aveva ricordato quell'opposizione che veniva direttamente dal Colle. E lo stesso aveva ribadito durante la trasmissione di La7, Otto e mezzo, durante la puntata del 28 ottobre 2014, post-testimonianza Quirinalizia, in un accesissimo confronto con l'ex sindaco di Venezia, Massimo Cacciari. Interventi che riproponiamo ai nostri lettori per comprendere quanto sia scottante e scomodo il tema della trattativa Stato-Mafia. Un argomento che molti preferiscono non affrontare, nonostante le sentenze dicano chiaramente che "trattativa ci fu". "La lotta alla mafia è una partita truccata - diceva Lodato nel 2013 -. La politica e la mafia, alla luce del sole, si mescolano fra di loro. Tutti gli italiani ormai lo hanno capito e lo sanno. Ma a nessuno è consentito aggredire il rapporto fra la mafia, la politica, gli affari. A nessuno è consentito indagare, cercare la verità, processare a far di tutto per arrivare a sentenza di condanna. Il Potere non lo vuole". Lodato concludeva il suo intervento con una promessa: "Combatteremo sino alla fine nella speranza che gli assassini di mafia e gli assassini di Stato di Paolo Borsellino vengano un giorno assicurati alla giustizia insieme ai mandanti che li ispirano. Ce la faremo? E chi può dirlo? Ma una cosa è certa: in Italia c'è posto per tutti. Anche per sessanta milioni di italiani. Dei quali, non dimentichiamolo, fa parte Papa Francesco. Giuristi, storici, sociologi, giornalisti, uomini politici, ex uomini di Stato, capi di Stato, se ne facciano una ragione". Una promessa che, a guardar bene, vale ancora oggi.

Foto originali © Imagoeconomica/Paolo Bassani





Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa