Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Un anno (nero) di ''Patto Sporco''

Giorgio Bongiovanni

Un anno (nero) di ''Patto Sporco''

Il libro di Nino Di Matteo e Saverio Lodato
di Giorgio Bongiovanni

Nei giorni scorsi, a Palermo, davanti alla Corte d'Assise d'Appello si è riaperta l'istruttoria dibattimentale del processo d'Appello sulla cosiddetta trattativa Stato-Mafia. Un anno fa, proprio in questi stessi giorni, usciva il libro "Il Patto Sporco" (edito da Chiarelettere), scritto a quattro mani dal magistrato Nino Di Matteo (pm di punta del processo Stato-Mafia che ha rappresentato l'accusa assieme ai colleghi Francesco Del Bene, Vittorio Teresi e Roberto Tartaglia) assieme al nostro editorialista, il giornalista scrittore, Saverio Lodato.
Un libro che non parla solo del processo che si è concluso il 20 aprile 2018 con le pesanti condanne in primo grado nei confronti dei boss Leoluca Bagarella ed Antonino Cinà, ma anche degli ufficiali del Ros Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno insieme all'ex politico di Forza Italia Marcello Dell'Utri. Perché nel dialogo tra i due autori viene ripercorsa la carriera professionale del pm Di Matteo, che negli ultimi vent'anni è stato uno dei magistrati più impegnati nel contrasto alla lotta alla mafia. Da sostituto procuratore della Repubblica a Caltanissetta, Palermo ed oggi come sostituto procuratore nazionale antimafia ha indagato sulle stragi dei magistrati Chinnici, Falcone, Borsellino e delle loro scorte, e sull’omicidio del giudice Antonino Saetta. Ha ottenuto pesanti condanne per mafiosi, politici e colletti bianchi occupandosi anche di processi importanti come quello a politici come il Presidente della Regione Sicilia, Totò Cuffaro, e al deputato regionale Giovanni Mercadante, o al funzionario dei servizi segreti Ignazio D’Antone. Ha messo sotto processo anche le “talpe” alla procura di Palermo. Un percorso, il suo, difficile ma sempre rivolto alla ricerca dei mandanti esterni delle stragi del 1992-1993. E' proprio a Caltanissetta, nel processo Borsellino ter condotto assieme al magistrato Anna Maria Palma, che per la prima volta durante il processo, che ha portato alla condanna dei principali capimafia della Cupola, si fa riferimento proprio alla presenza dei mandanti esterni in quei delitti. Parallelamente al processo condotto a Firenze dal pm Gabriele Chelazzi, sulle stragi in Continente, emerse chiaramente l'esistenza della trattativa Stato-Mafia.
Lodato, nelle pagine del libro, chiarisce subito il suo intento: “Volevo che parlasse il magistrato, parlasse l’uomo, protagonista e testimone di un processo destinato a lasciare il segno”.
Ciò avviene in un confronto dove vengono ripercorsi i momenti salienti dei cinque anni di dibattimento, attraversando anche i momenti più drammatici e di tensione, come il conflitto di attribuzione sollevato dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, oppure la condanna a morte ricevuta direttamente dal Capo dei capi, ormai deceduto, Totò Riina.
Parole a cui si sono aggiunte le rivelazioni del collaboratore di giustizia Vito Galatolo, figlio di uno dei capimafia più importanti di Palermo. L’ex boss dell’Acquasanta, pentitosi nel novembre 2014, aveva parlato di un progetto di attentato, mai revocato, deliberato sin dalla fine del 2012. Interrogato dai pm aveva riferito di una richiesta inviata con una lettera da Matteo Messina Denaro letta in un summit ristretto a cui partecipò assieme al suo vice, Vincenzo Graziano, ed i capi mandamento di San Lorenzo e Porta Nuova, Girolamo Biondino e Alessandro D’Ambrogio. Inoltre aveva spiegato anche il motivo per cui il pm doveva essere ucciso: “Si era spinto troppo oltre”. Quindi aveva raccontato dell'arrivo, nel capoluogo siciliano, di centocinquanta chili di tritolo, provenienti dalla Calabria, proprio per uccidere il magistrato. Un progetto di attentato che secondo le indagini della Procura di Caltanissetta è "ancora operativo".
Da vent'anni sotto scorta, oggi Di Matteo è il magistrato più scortato d'Italia con tutte le limitazioni nella vita quotidiana che una condizione simile comporta.
Anche questo aspetto viene affrontato nel libro.
il patto sporco integraleIn un capitolo, inoltre, si parla in maniera approfondita anche della mafia di oggi ed in particolar del ruolo del superlatitante più famoso del mondo, Matteo Messina Denaro. Rispondendo a Saverio Lodato il magistrato chiarisce non solo l'importanza del boss di Castelvetrano, ma anche la probabilità che sia, se non il capo, l'esponente più importante di Cosa nostra in quanto “depositario di tutti i segreti delle stragi”.
Un'opera che assume ancora più valore quando, nella parte finale, rispondendo alle domande poste da Saverio Lodato, in maniera sintetica e scorrevole il magistrato riassume le oltre cinquemila pagine di sentenza del processo Stato-Mafia passando in rassegna, senza troppi termini tecnici, i fatti inquietanti e drammatici che si sono succeduti nel terribile biennio '92-'94 nel quale si consumarono le stragi. Per questo motivo consideriamo il libro come un prezioso vademecum che può aiutare tanti giovani studenti e tanti cittadini a farsi un'idea sul passato ma anche sul futuro per affrontare il problema mafia recidendo definitivamente il rapporto delle organizzazioni criminali con parte delle istituzioni dello Stato italiano.
Per un anno intero "Il Patto Sporco" è girato nelle librerie ed è stato presentato in varie città d'Italia. Prezioso - in tal senso - il contributo dei ragazzi di ANTIMAFIADuemila che hanno garantito dirette streaming ed iniziative territoriali.
Questo libro ha il merito di accendere un faro su una sentenza che è stata taciuta a lungo e che ha trovato spazio sulla grande stampa solo nel giorno della sua emissione o in quello del deposito delle motivazioni. Troppo poco. Per questo abbiamo scritto nel titolo "Un anno (nero) di Patto Sporco". Perché nonostante del libro abbiano parlato personaggi importanti del mondo dell'arte, della cultura, del cinema, della televisione, del giornalismo e della magistratura (di seguito si può leggere l'elenco dei nomi, ndr); nonostante gli articoli scritti in questo anno, ed altre pubblicazioni sull'argomento, non possiamo non constatare il grande silenzio che è ruotato attorno alla sentenza Stato-Mafia. E' vero si è solo ad un primo grado di giudizio ma i fatti restano fatti e non possono essere cancellati.
Un tema scomodo che vuole essere dimenticato e taciuto.
Ma cosa aspettarsi in un Paese dove il tema mafia viene considerato come un tabù in ambito politico?
Magistrati come Nino Di Matteo, Giuseppe Lombardo, Nicola Gratteri, ed altri, hanno più volte ricordato come i governi, ieri come oggi, non parlino mai di questo argomento. Un punto che non viene mai inserito ai primi posti dell'agenda politica sottovalutando, nella migliore delle ipotesi, il problema.
Eppure i 150 miliardi della "Mafia Spa" vengono relazionati dagli addetti ai lavori così come gli 80 miliardi derivanti dal traffico internazionale di stupefacenti il cui monopolio mondiale è in mano alla 'Ndrangheta, seguita da Cosa nostra e Camorra.
Se a questo aggiungiamo gli innumerevoli misteri che si nascondono dietro ai grandi delitti che hanno attraversato la storia del nostro Paese e su cui ancora oggi vige il sigillo del Segreto di Stato si comprende perché di trattativa Stato-Mafia non si vuole parlare.
Speriamo che tra un altro anno si possa giungere ad una verità diversa. Che lo Stato italiano, finalmente, si decida a contrastare concretamente il Sistema criminale integrato.
O è solo un'utopia?

Hanno parlato del libro Il Patto Sporco

Danilo AMMANNATO - ''Il Patto Sporco'' e la ricerca della verità sulle stragi

Corrado AUGIAS - ''Il Patto Sporco'' presentato a Quante Storie

Lorenzo BALDO - Un patto sporco tra mafia e Stato

Paride BENASSAI - Lodato: ''La sentenza trattativa? Un'ottima base per cercare la verità non solo su via D'Amelio ma su tutte''

Paolo BORROMETI - Le verità che molti volevano nascondere

Maria Antonietta CALABRÒ - Trattativa Stato-Mafia: la lettera di minaccia al Papa prima delle bombe del 1993

Salvatore CUSIMANO - ''Il Patto Sporco'', quel potere corrotto che ha tenuto in ostaggio il nostro Paese

Piercamillo DAVIGO - ''Giustizia, Politica, Informazione'', Davigo e Lodato a Torino vanno oltre il Patto Sporco

Avernino DI CROCE - ''Giustizia, Politica, Informazione'', Davigo e Lodato a Torino vanno oltre il Patto Sporco

Daniela DIOGUARDI - Trattativa pressoché inevitabile?

Claudio GIOÈ e Carmelo GALATI leggono l'articolo Colpevoli, Colpevoli!

Lilli GRUBER - Saverio Lodato e le ''Alte manone istituzionali'' dietro la Trattativa Stato-Mafia

Rossella GUADAGNINI - La Trattativa Stato-Mafia, intreccio mortale tra poteri forti, occulti e criminali

Enzo GUARNERA - Lodato: ''La sentenza trattativa? Un'ottima base per cercare la verità non solo su via D'Amelio ma su tutte''

Felice LIMA - Lodato: ''La sentenza trattativa? Un'ottima base per cercare la verità non solo su via D'Amelio ma su tutte''

Saverio LODATO - Il Teatro Biondo, Repubblica Palermo, i Cattivi Maestri

Giuseppe LOMBARDO - Al Teatro Biondo di Palermo la presentazione del libro ''Il Patto Sporco'' di Nino Di Matteo e Saverio Lodato

Antonio Maria SCALA - Nino Di Matteo ritira a Bari il premio Gens Nova Onlus

Joseph M. BENOIT - Il Patto Sporco: 'La Voce di New York' intervista Saverio Lodato

Giovanna MAGGIANI CHELLI - ''Il Patto Sporco'' e la ricerca della verità sulle stragi

Loris MAZZETTI - Il processo Trattativa e quel senso di ''omertà di Stato''

Dacia MARAINI - ''I pericoli di una mafia che non spara''

Alfia MILAZZO - Lodato: ''La sentenza trattativa? Un'ottima base per cercare la verità non solo su via D'Amelio ma su tutte''

Claudia NAPPI - Di Matteo: ''Si vada oltre la vicenda Scarantino senza diffondere falsità''

Carlotta NATOLI - Il Patto Sporco. Un libro per Ri-Cor-Dare: donare un nuovo cuore

PIF - Nino Di Matteo: ''Siamo circondati dal silenzio e dal divieto di parlare dell'intelligenza tra Stato e mafia''

Andrea PURGATORI - Saverio Lodato: Giovanni Falcone mi chiamò per raccontarmi delle Menti Raffinatissime

RADIO POPOLARE - La lezione antimafia di Nino Di Matteo

Silvia RESTA - ''Il Patto Sporco'', il racconto proibito dell'Italia di oggi

Paolo RIBET - ''Giustizia, Politica, Informazione'', Davigo e Lodato a Torino vanno oltre il Patto Sporco

Lunetta SAVINO - Di Matteo: ''In questo Paese una voglia insana di archiviare per sempre ve-rità su stragi e trattativa''

Carlo SMURAGLIA - Al Teatro Biondo di Palermo la presentazione del libro ''Il Patto Sporco'' di Nino Di Matteo e Saverio Lodato

Armando SORRENTINO - I miei figli hanno sempre vissuto con il padre sotto scorta

Andrea SPALINGER - Ha scoperto il patto sporco tra Mafia e Stato. Ma in Italia non se ne parla

Corrado STAJANO - ''Il Patto Sporco'' nelle parole di Stajano

Luca TESCAROLI - ''Il Patto Sporco'' e la ricerca della verità sulle stragi

TGR Sicilia - Nino Di Matteo e Saverio Lodato presentano ''Il Patto Sporco'' al TGR Sicilia

TG2 - ''Il Patto Sporco'' al Tg2

Marco TRAVAGLIO - Nino Di Matteo: ''Siamo circondati dal silenzio e dal divieto di parlare dell'intelligenza tra Stato e mafia''

Mario VALENTINO - Nino Di Matteo ritira a Bari il premio Gens Nova Onlus

Anna VINCI - Il Patto Sporco, un libro che viene da lontano

Francesco VITALE - La faccia sporca dello Stato che vogliono fare scomparire

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa