Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Ciao Giovanna!

Giorgio Bongiovanni

Ciao Giovanna!

Addio a Giovanna Maggiani Chelli, voce delle vittime della strage di via dei Georgofili
di Giorgio Bongiovanni e Karim El Sadi

Dopo una lunga malattia è deceduta la notte scorsa nella sua casa di La Spezia Giovanna Maggiani Chelli, Presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via dei Georgofili. Giovanna aveva 75 anni ed è stata la storica portavoce della lotta per il raggiungimento della verità sull'autobomba che nella notte tra il 27 e il 28 maggio del 1993 squarciò parte del centro storico di Firenze e con esso le vite della famiglia Nencioni (Fabrizio, la moglie Angela Fiume e le due bimbe Nadia e Caterina) e quella del ventiduenne Dario Capolicchio, bruciato vivo davanti alla fidanzata Francesca Chelli (figlia di Giovanna Maggiani Chelli).
Dal 1996 al 2002 ha seguito udienza per udienza tutti i processi sulla strage di Firenze e nel 2001 è diventata portavoce dell'Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via dei Georgofili. Giovanna Maggiani Chelli sosteneva con forza che i 250 chili di tritolo fatti brillare in via dei Georgofili rientrassero in quella che solo 20 anni più tardi le sentenze dei magistrati definirono come strategia stragista di Cosa nostra, posta in essere con il coadiuvamento di pezzi deviati dello Stato. Una posizione confermata dal processo di Firenze sulle stragi del 1992-1993. Nel 2010, anno in cui Giovanna Maggiani Chelli assunse l’incarico di Presidente della sua associazione, Francesco Tagliavia, capo della famiglia palermitana di Corso dei Mille venne condannato all'ergastolo con l'accusa di aver messo a disposizione i suoi uomini e prestato il suo assenso alla strage. Già all'epoca nella motivazione della sentenza i giudici della Corte d'Assise di Firenze scrissero nero su bianco che la Trattativa “indubbiamente ci fu e venne quantomeno inizialmente impostata su un do ut des” per interrompere la strategia stragista di Cosa nostra. E “l'iniziativa fu assunta da rappresentanti dello Stato e non dagli uomini di mafia”. Nel 2013 l'Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via dei Georgofili venne ammessa come parte civile al processo sulla Trattativa Stato-mafia. Processo, il cui esito diede man forte alla sua tenace battaglia per il raggiungimento della verità. Su questa linea ci aveva raccontato nel corso di una delle sue ultime interviste gentilmente concessaci qualche mese fa che "la strage di Firenze si inserisce all'interno di una strategia di attacco allo Stato che, appare sempre più evidente, non vedeva coinvolta la sola Cosa nostra. I mafiosi furono già condannati con l'aggravante di aver agito con finalità di terrorismo ed eversione. Ed è proprio questa che ci dice che non c'erano solo i mafiosi, ma anche qualcos'altro".
Se ne va una donna afflitta che ha gridato negli ultimi 26 anni giustizia e verità per la strage di via dei Georgofili, quella di Milano e Roma e le stragi in genere. Con la sua associazione ha lottato con onestà, correttezza e grande determinazione dando forza a tanti parenti di vittime della mafia e dissentendo con coerenza e trasparenza quando alcuni di questi seguivano strade non corrette. Questa è stata Giovanna Maggiani Chelli, una nostra cara amica e un'amica della giustizia. I funerali si svolgeranno domani, giovedì 22 agosto a La Spezia in forma privata.

ARTICOLI CORRELATI

Strage dei Georgofili, a 26 anni di distanza ancora nebbie da dipanare

Stragi del '93 e mandanti esterni, parla Giovanna Maggiani Chelli

Strage dei Georgofili, 25 anni dopo si riparte dai ''mandanti esterni''

Strage via dei Georgofili, la sentenza d'appello conferma: trattativa ci fu

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa