Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni A colloquio con Gaspare Mutolo, lo storico pentito di Cosa Nostra

Giorgio Bongiovanni

A colloquio con Gaspare Mutolo, lo storico pentito di Cosa Nostra

mutolo gaspare mascheradi Giorgio Bongiovanni - Video
Gli arresti a Palermo dei nuovi capi della mafia
"Sopravvissuto alla guerra di mafia, Mineo, era stato eletto capo mafia per far da guida ai giovani mafiosi di Palermo". Così ha commentato gli arresti dei giorni scorsi l'ex uomo d'onore del mandamento di Partanna-Mondello ed ex autista di Totò Riina, Gaspare Mutolo, oggi collaboratore di giustizia. Lo abbiamo raggiunto questa mattina per sapere quale fosse il proprio parere in particolare sul ruolo di Settimo Mineo, secondo la Procura di Palermo, al vertice della Cosa Nostra post-Riina. Mutolo conosceva Mineo e lo ha ricordato come lo storico gioielliere e ricettatore di Cosa Nostra, della famiglia Pagliarelli. "Era mio amico negli anni '70, non aveva cariche particolari, non era capo mandamento, né capo decina, né tanto meno consigliere. Era un'uomo d'onore semplice" ha detto Mutolo. Mineo durante la guerra di mafia faceva parte del cosiddetto schieramento "perdente" di Gaetano Badalamenti e Stefano Bontade. In quel periodo venne raggiunto da un tentativo di assassinio nei suoi confronti. A perdere la vita, però, non fu lui ma il fratello. "Era riuscito a sopravvivere alla guerra di mafia e ha continuato (la propria carriera criminale, ndr) anche durante l'era corleonese, coloro che hanno rovinato Cosa Nostra" ha rammentato il pentito. Secondo il collaboratore di giustizia è anche per questo motivo, essendo stato appartenente a quella mafia "ante Riina e Provenzano", che i boss palermitani hanno individuato in lui il successore del defunto Capo dei Capi. "Hanno scelto questo personaggio perché era l'unico facente parte dei due schieramenti (Bontade e Balamenti prima e Riina e Provenzano dopo) ad essere sopravvissuto - ha affermato con decisione - e quindi poteva essere un nuovo punto di riferimento per i giovani boss".

Video - Clicca qui per guardare l'intervista del giornalista Francesco Vitale a Gaspare Mutolo nel servizio del Tg2 al min 13' 53''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa