Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Parla Salvini, senti Berlusconi. L'attacco del ministro, indagato, contro i Pm

Giorgio Bongiovanni

Parla Salvini, senti Berlusconi. L'attacco del ministro, indagato, contro i Pm

salvini matteo villadeste c imagoeconomicadi Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari
“Qui c’è la certificazione che un organo dello Stato indaga un altro organo dello Stato. Con la differenza che questo ministro è stato eletto da voi e gli avete chiesto di limitare gli sbarchi e di espellere i clandestini, quindi vi ritengo miei amici, miei sostenitori e miei complici. Altri non sono stati eletti da nessuno e non rispondono a nessuno”. Ecco l'attacco alla magistratura per bocca del Ministro degli Interni Matteo Salvini, che ieri ha ricevuto la notifica dell’avviso di garanzia dalla Procura di Palermo per il caso Diciotti. In un colpo solo sembra di essere tornati indietro di vent'anni quando a scatenare la polemica tra politica e magistratura non erano i “leghisti” ma l'ex premier Silvio Berlusconi. Anche B. lanciava proclami ed invettive ricordando di essere eletto dal popolo. Se l'ex Premier usava le proprie reti televisive, il leader della Lega punta con decisione sui social, leggendo in diretta ai 25mila utenti collegati la comunicazione del Procuratore Lo Voi, giunta al Viminale. Nella sua invettiva, come B., anche Salvini se la prendeva con le “toghe rosse”. Un termine che non usa ma che si legge tra le righe delle sue parole (“alcuni magistrati che hanno una cultura politica di sinistra”) offrendo l'assist per un nuovo scontro istituzionale. Poco importa se il ruolo istituzionale di Salvini come Ministro degli Interni, per legge (art.92 della Costituzione), viene assegnato non dal Popolo ma dal Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio. Come Berlusconi, Salvini va per la sua strada in barba alle inchieste aperte nei suoi confronti.
I reati a lui contestati dalla Procura di Palermo riguardano gli articoli 81 e 605 del codice di procedura penale, ovvero il sequestro di persona aggravato e continuato per avere trattenuto illegalmente per dieci giorni a bordo del pattugliatore Diciotti 177 migranti raccolti nel Canale di Sicilia al largo di Lampedusa il giorno di Ferragosto. Un reato per cui il Ministro rischia fino a 15 anni.
Non è la prima volta che Salvini attacca la magistratura. Lo scorso mese aveva puntato il dito contro il Procuratore Capo di Agrigento Luigi Patronaggio, “colpevole” di aver dato il via all'indagine per sequestro di persona; ugualmente aveva polemizzato sulla decisione del tribunale del Riesame che ha dato ragione alla procura di Genova sul sequestro immediato dei fondi della Lega. Attacchi del tutto ingiustificati. E non è un mistero che la sua “visione” per una riforma della giustizia sia tutt'altro che in sintonia con quella grillina, che propone norme più stringenti contro corruzione ed affini. Non a caso non era presente durante il Consiglio dei Ministri che ha approvato il disegno di legge anticorruzione.
Dopo l'affondo, oggi, il Ministro ha cercato di abbassare i toni negando che vi sia “un golpe giudiziario” nei suoi riguardi e dicendo di aspettare “con totale rispetto, celerità e serenità” le sentenze che lo riguardano e di essere “disponibile ad andare a Palermo domani anche a piedi, non sono al di sopra della legge”.
Una mossa necessaria per non andare incontro ad una crisi di Governo dopo che ieri sia il ministro della Giustizia Bonafede che l'altro vice-premier Luigi Di Maio avevano preso le distanze sulla sua posizione. “Non può pensare di far tornare l’Italia alla Seconda Repubblica” aveva detto il Guardasigilli. Ed anche Di Maio aveva aggiunto: “Sulla vicenda della nave Diciotti sapevamo che le decisioni erano decisioni forti ma noi le rivendichiamo come governo e abbiamo dato il nostro sostegno, detto questo non si può dare sostegno alle accuse ai magistrati”. E' evidente che il clima tra le due componenti di Governo è tutt'altro che sereno ma se non si porrà un freno alle azioni del Ministro la convivenza, forzata dal delicato momento politico-economico del Paese, rischia di diventare una pericolosa connivenza.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa