Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Il super pentito della Camorra

Giorgio Bongiovanni

Il super pentito della Camorra

schiavone nicola c roberto salomone getty imagesdi Giorgio Bongiovanni
Arriva come una meteora il pentimento di Nicola Schiavone, figlio dello storico boss dei Casalesi Francesco “Sandokan” Schiavone, che ha iniziato la sua collaborazione con i magistrati della Procura Distrettuale Antimafia di Napoli. Secondo gli inquirenti, infatti, Schiavone junior avrebbe ereditato la guida del clan camorristico dopo l'arresto del padre, risalente al 1998, divenendo il depositario di molti segreti sui legami dei Casalesi dentro e fuori l'entourage mafioso e negli ambienti di potere. Da sempre tra le organizzazioni criminali più spietate, non si può certo dire però che la famiglia camorristica non abbia, nel tempo, costruito una serie di rapporti di forza con le altre mafie. A cominciare, al tempo di Totò Riina, dai Corleonesi - con i quali alcuni esponenti del clan vantavano una vera e propria affiliazione - ma anche in Calabria con la 'Ndrangheta. È la stessa Direzione investigativa antimafia, nella sua ultima relazione, ad evidenziare come risultino da tempo consolidati rapporti tra organizzazioni mafiose campane e calabresi, soprattutto del reggino.
E di come questi contatti siano funzionali soprattutto al traffico di droga, per il quale la 'Ndrangheta resta leader indiscussa nel mondo occidentale. Zona principale di interesse delle cosche calabresi, rimarca infatti la Dia, è la provincia di Salerno, segnata dallo spaccio di stupefacenti provenienti proprio dalla Calabria. Ma recenti indagini hanno anche confermato i contatti tra clan camorristici attivi a Napoli ed esponenti delle cosche dell’alto Ionio e Tirreno cosentino. Insomma, una rete capillare che sancisce patti di lunga data tra queste due organizzazioni criminali.
Ora, dunque, potrebbero aprirsi inediti scenari nel contrasto alla Camorra, in base allo “spessore” delle future rivelazioni di Schiavone, qualora gettassero luce sugli annosi rapporti tra Casalesi e politica (di ogni schieramento e colore) ma anche sugli ingenti traffici di droga e i capitali da capogiro scaturiti dal traffico di tonnellate di rifiuti, radioattivi e non, confluiti nel territorio campano dalla penisola e dall'estero. Passando quindi per l'indicazione di quei veri e propri cimiteri di spazzatura nucleare che causano la morte “bianca” dei cittadini maggiormente esposti, colpiti più degli altri da malattie e tumori. Per poi salire di livello, su fino ai legami più occulti con la massoneria e gli esponenti politici locali.
Schiavone, ad ogni modo, non è il primo boss di spicco della Camorra a pentirsi. Nel 2014, infatti, a fare il “salto” è stato Antonio Iovine, arrestato nel 2010 dopo 14 anni di latitanza. Iovine, infatti, ha già riferito agli inquirenti degli affari dei Casalesi nell'emergenza rifiuti. Dichiarazioni che potrebbero costituire un ulteriore riscontro alla neo collaborazione di Schiavone junior.

Foto © Roberto Salomone/Getty Images

ARTICOLI CORRELATI

Il neo pentito Schiavone jr e quel piano per uccidere Cafiero de Raho

Si pente il figlio di Francesco ''Sandokan'' Schiavone

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa