Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Diritto di critica, archiviazione per Saverio Lodato

Giorgio Bongiovanni

Diritto di critica, archiviazione per Saverio Lodato

lodato demagistris 850
Era stato querelato dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris

di Giorgio Bongiovanni
Non c’è “alcun attacco personale della persona offesa né toni ingiuriosi contrari al corretto uso del diritto di critica” in quanto scritto dal nostro editorialista Saverio Lodato (difeso dagli avvocati Luigi Li Gotti e Armando Sorrentino) nell’articolo pubblicato il 17 settembre 2015 (“L'Italia è Cosa Nostra e Rosy Bindi ha ragione”). E’ quanto si legge nel decreto di archiviazione del giudice Ermelinda Marfia, che ha così accolto la richiesta del pm, Giorgia Righi, alla quale si era opposto de Magistris.
In particolare si evidenzia come Lodato “abbia ripercorso il dibattito avvenuto tra il Sindaco de Magistris e il Presidente della Commissione Antimafia Bindi”, con quest’ultima che aveva definito la camorra come “dato costitutivo di Napoli” scatenando numerose polemiche. Il nostro editorialista prese posizione, analizzando il contesto su cui si basava quell’affermazione. Non solo. Veniva anche mossa una critica nei confronti di chi, come in quel caso de Magistris o il Presidente della Regione Campania De Luca, si era sollevato contro quelle dichiarazioni. Una critica che, come evidenziato dal giudice, veniva mossa “in ragione dei loro ruoli pubblici e politici ed in relazione alle dichiarazioni rilasciate dall’On. Bindi ed altri che avevano anche richiamato il problema del ‘negazionismo’ rispetto alla presenza delle mafie nel territorio italiano”. Ma cosa aveva scritto Lodato di così terribile da “meritare” una querela del primo cittadino di Napoli?
Le parole che avevano fatto storcere il naso erano a conclusione di un ragionamento articolato al termine del quale veniva scritto: “Ecco perché non ci siamo meravigliati per niente di fronte alla levata di scudi contro la Bindi. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, han fatto il solito pianto delle prefiche, sebbene siano loro, per primi, a sapere su quale vulcano siano adagiate le loro poltrone. Ma lo devono fare di mestiere, perché non accettano che altre istituzioni mettano il naso nei loro ‘orticelli’, perché i camorristi, sino a prova contraria, votano... E sono tanti voti a finire nel cesto... Anche questo non dovrebbe essere difficile da capire. E poi non dimentichiamo che è da Napoli che è partito il cocchio di cavalli neri diretto a Roma capitale dello Stato-Mafia... per il funeralone Casamonica.
L’Italia è Cosa Nostra. Si può dire? O si fa peccato?”. A tali parole il giudice riconosce il “diritto di critica politica” e il “diritto alla libera manifestazione di pensiero” fermo restando che nell’articolo si faceva riferimento a quanto già esposto dal Presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi nei giorni precedenti quando, in occasione di un’intervista radiofonica e in conferenza stampa disse che “in primavera ci sono le elezioni, de Magistris si schiera volentieri dalla parte di quella Napoli bene che vuole negare la presenza di questa piaga della città”. E’ chiaro che da parte di Lodato non vi era alcun intento di associare de Magistris a figure “notoriamente legate alla criminalità organizzata”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa