Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni I colpi di coda dei Perdenti

Giorgio Bongiovanni

I colpi di coda dei Perdenti

A Palermo e Reggio Calabria parlano Berlusconi e Riina (nell'arringa del suo legale)
di Giorgio Bongiovanni
Non sono mancati in questi giorni gli ultimi colpi di coda di personaggi del potere ormai (quasi) caduti – Silvio Berlusconi – o defunti – le parole di Totò Riina nell’arringa del legale Luca Cianferoni. Il primo, al processo reggino scaturito dall’operazione Breakfast – sotto accusa l’ex ministro Claudio Scajola e l’ex deputato FI Amedeo Matacena – ha dichiarato al procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e agli avvocati che per lui l’ex parlamentare oggi latitante a Dubai era un illustre sconosciuto. Non solo questione di difetto di memoria, a nostro parere, ma un messaggio ben preciso, i cui risvolti sono ancora ignoti. Che l’ex Cavaliere affermi di non conoscere Amedeo Matacena è un segnale - in un codice dal sapore tutto mafioso - per qualcuno. Ma per quale interlocutore? Certo è che, a dirlo è anche la sentenza definitiva che ha condannato l’ex deputato a tre anni per concorso esterno in associazione mafiosa, i legami tra il latitante e la ‘Ndrangheta sono stati più che acclarati. E questo nonostante Matacena padre e figlio siano storicamente legati agli ambienti "bazzicati" da Berlusconi, senza contare che fu proprio Matacena, insieme a Dell'Utri, ad avere un ruolo nella fondazione di Forza Italia in Calabria.
Nella “testimonianza” di Berlusconi c’è spazio anche per il suo braccio destro – lui, la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa, se la sta già scontando – quando l’ex premier parla della “stupidità” di Dell’Utri, parlando della sua latitanza in Libano. Dove voglia arrivare l’ex Presidente del Consiglio con i suoi “non ricordo” non è dato sapere. Quel che è certo è il metodo delle cosche mafiose quando si tratta di rivendicare patti ed accordi con i propri interlocutori. Forse, allora, una risposta da parte loro non si farà attendere.
Spostandoci a Palermo, al processo trattativa l’avvocato Luca Cianferoni, legale del defunto boss di Corleone, ha ancora una volta ripetuto che Riina, capomafia fino al midollo senza possibilità di appello, è stato usato e sfruttato per le stragi come “parafulmine d’Italia”, come lui stesso si era definito, insieme a tutta l’organizzazione criminale Cosa nostra.
C’è poi una frase-chiave che oggi è emersa sul resto dell’arringa, nel momento in cui Cianferoni spiega di quando il suo assistito gli disse: “Ma da me che vogliono? Che parlo o che sto zitto?”. Parole che consentono di comprendere come Riina si fosse trovato tra due fuochi, o meglio, tra due stati. Uno, rappresentato dal pool antimafia, che voleva che dicesse tutta la verità, e un altro, lo Stato-mafia, quello di cui il Capo dei capi conosceva i nomi e i cognomi di coloro che hanno stipulato patti, che voleva il suo silenzio. Riina, dunque, si rendeva conto che lo Stato-mafia non era così potente come lo è sempre stato. Perché l’altro – quello vero – era pronto ad incalzarlo, e forse sarebbe anche potuto essere capace di strapparne una collaborazione.
Con la morte del boss, ma anche gli inquietanti segnali lanciati dalla politica durante la campagna elettorale – occasione in cui la lotta alla mafia è stata letteralmente relegata all'angolo nei programmi politici – l’ipotetica risposta che possiamo immaginare data a Riina, se fosse ancora vivo, è ancora una volta quella dello Stato-mafia: il silenzio è d’oro.

Foto originali © Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Stato-mafia: Riina, il ''parafulmine'' e le ''faide'' tra servizi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa