Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Elezioni in Sicilia, vince Berlusconi

Giorgio Bongiovanni

Elezioni in Sicilia, vince Berlusconi

elezioni sicilia 2017 candidatiIl ritorno del Caimano nella terra che non vuole cambiare mai
di Giorgio Bongiovanni
La vittoria di Berlusconi. Il “day after” delle elezioni siciliane riconsegna all’Italia il ritorno del Caimano sulla scena politica. E’ questa l’amara realtà che emerge analizzando il successo del candidato di centrodestra, Nello Musumeci, nella corsa al “trono” di Palazzo dei Normanni. Prima del voto Musumeci era considerato un “fascista perbene”, onesto, ma oggi, dopo i risultati, un tale appellativo appare addirittura eccessivo. Con il ritorno di B. ha vinto il lato più “Oscuro” della destra, quello che non rinuncia ad affiancarsi ad un partito che con i mafiosi (uno dei suoi fondatori, Marcello Dell’Utri, è in carcere condannato per concorso esterno in associazione mafiosa) ha avuto a che fare. Non solo. Musumeci non potrà mai cancellare l’onta di aver accettato nelle sue liste quegli impresentabili che comunque hanno portato “acqua” al suo mulino, rafforzando il 40% finale (circa 870mila voti).
Non possiamo sapere se, e in che misura, la mafia possa essere stata determinante in questa tornata elettorale. Si può essere certi che la mafia non ha votato Claudio Fava, l’unico ad aver avuto il coraggio di fare nomi e cognomi di quei soggetti in qualche maniera vicini a Cosa nostra. Mafia che non avrà avuto ugualmente alcun interesse a votare Giancarlo Cancelleri.
Non si può certo essere allegri del risultato finale ma grazie a Fava la vera sinistra, anche se con un solo seggio, è tornata a sedersi dietro i banchi dell’Ars, mentre il Pd di Renzi-Micari, è affondato irrimediabilmente rimanendo sotto la soglia del 20%.
Chi ha raddoppiato i voti raccolti cinque anni fa è il Movimento 5 Stelle, primo partito della Regione, con Giancarlo Cancelleri che ha raccolto 770mila voti (il 35%). Ma anche i grillini, a prescindere dagli eventuali riconteggi di voti che forse verranno richiesti, non possono essere soddisfatti. Non è possibile alla luce del dato che si evince dai numeri del vero vincitore di queste elezioni: l’astensionismo. Il 53,24% dei siciliani ha deciso di rimanere a casa e non votare. Una sconfitta per tutti, anche per il “vittorioso” neo Governatore che “regnerà” sulla Sicilia con l’appoggio di circa il 18% degli aventi diritto al voto. Paolo Borsellino diceva che “la rivoluzione si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Quella matita, più forte di qualsiasi arma, più pericolosa di una lupara e più affilata di un coltello”. Il risultato delle elezioni ha dimostrato, ancora una volta, che il popolo, sfiduciato, non è intervenuto in prima persona per cambiare lo stato delle cose. Per capire se l’esito delle elezioni siciliane sarà veramente specchio delle prossime politiche non resta che attendere.

ARTICOLI CORRELATI

Regionali in Sicilia: divide et impera

Elezioni in Sicilia, diamo uno schiaffo non solo alla mafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa