Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Benetton e la dittatura fascista contro i Mapuche

Giorgio Bongiovanni

Benetton e la dittatura fascista contro i Mapuche

benetton carlo luciano 610di Giorgio Bongiovanni
Il popolo che da millenni vive in Patagonia scacciato dall'impero dell'abbigliamento

Di fronte al probabile ritrovamento del corpo di Santiago Maldonado, attivista argentino che appoggiava la lotta per le terre Mapuche, vien da chiedersi quanto ancora questo popolo dovrà sopportare per poter vivere nelle terre della Patagonia che furono dei loro avi. Maldonado era scomparso durante un'operazione delle forze di polizia intervenute lo scorso luglio, e a giugno il leader del popolo Mapuche, Facundo Jones Huala, era stato arrestato con l'accusa di terrorismo. Da una parte la rivendicazione di terre ancestrali, dove i Mapuche hanno vissuto per generazioni, dall'altra l'impero Benetton che, carte alla mano, non vuole rinunciare a quei 900mila ettari di terreno sul quale 100mila pecore forniscono loro il 10% della produzione di lana. Nel mezzo, numerosi scontri violenti – dopo un fallito tentativo di mediazione – tra la popolazione indigena e le forze dell'ordine argentine, che troppo da vicino ricordano le “squadre nere” del periodo fascista.
Perché qui è di un “braccio di ferro” fascista che si parla, di fronte a un conflitto che ha radici lontane ma solo di recente è entrato nelle cronache internazionali. Nel 1991 la famiglia Benetton acquisì per 50 milioni di dollari 900mila ettari di terre dalla compagnia Tierras Del Sur Argentino, principale proprietaria terriera nella Patagonia argentina. Poi, nel '94, il presidente Carlos Menem vendette a Benetton quelle terre ad un prezzo irrisorio, e gli abitanti Mapuche furono confinati in zone marginali e improduttive, o costretti alla migrazione nei centri urbani. Negli anni, però, il popolo indigeno non ha rinunciato alla riappropriazione di quelle terre, e hanno cercato di estendersi e di insediarsi in alcuni villaggi. Nel 2007 la comunità Santa Rosa Leleque decise di recuperare il suo territorio ancestrale, e per anni ha dovuto affrontare continui e violenti tentativi di sgombero. Nel 2014, però, l’Istituto Nazionale degli Affari Indigeni (INAI) riconobbe il diritto dei Mapuche sul territorio. E il 13 marzo del 2015 alcune famiglie iniziarono la “recuperación” di altri territori ancestrali sottratti loro da Benetton.
Gli scontri proseguono. Ma è un dato di fatto che quelle terre debbano rimanere ai Mapuche. E che presidenti argentini e imprenditori non possono ignorare che l'articolo 75 della Costituzione nazionale recita: “Riconoscere le radici etnico-culturali delle popolazioni indigene argentine. Garantire il rispetto della identità di tali popolazioni e il diritto ad un’educazione bilingue e interculturale; riconoscere la personalità giuridica delle loro comunità e il possesso e la proprietà comunitaria dei territori che normalmente occupano”.
L'impero Benetton sta però portando avanti un atto imprenditoriale di stampo fascista, forse legittimo – o ai limiti della legalità – perché si nasconde dietro un atto di vendita, anche se incostituzionale. Inutile, allora, prendersela con il popolo Mapuche che da millenni abita quelle terre. Piuttosto la Benetton si rivolga al governo, che ha avuto l'ardire di concedere quel territorio agli imprenditori pur andando contro la Costituzione argentina.
E allora l'azienda che è nata nel 1965 a Ponzano Veneto avrà dimenticato le sue origini, se continua a voler buttare fuori dalle proprie terre il popolo Mapuche. Forse in questo caso la legge sarà dalla loro parte, ma non certamente l'etica.

ARTICOLI CORRELATI

Santiago, una storia di coraggio e solidarietà

La Mapuche Millan: ''Ci appelliamo al popolo per difenderci''

Una lotta per la dignità del popolo Mapuche
Intervista a Facundo Jones Huala

Sparizione Santiago Maldonado: testimoni oculari parlate!

Mapuche: il sequestro Santiago era pianificato

Basta dissanguare la terra dei Mapuche

La sopraffazione di Benetton sul popolo Mapuche

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa