Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni 11 settembre 1973: il ritorno del nazismo sanguinario

Giorgio Bongiovanni

11 settembre 1973: il ritorno del nazismo sanguinario

pinochet svasticaIn memoria di un Colpo di Stato
di Giorgio Bongiovanni - Video
L'11 settembre è una di quelle date che rimangono scolpite nella memoria. No, non parliamo dell'attentato del 2001 alle Torri Gemelle di New York ma di un altro episodio grave che ha sconvolto un Paese sudamericano come il Cile: un vero e proprio attentato contro la democrazia.
In quella data, infatti, con un colpo di Stato le forze armate guidate da uno dei più grandi “Giuda” che l'umanità ricordi, Augusto Pinochet, con il sostegno e la protezione dei servizi segreti americani della CIA e del Governo USA, rovesciarono il governo socialista di Salvador Allende, morto durante l'assedio al palazzo presidenziale.
Pinochet era stato nominato da Allende il 23 agosto 1973 come generale capo dell’esercito proprio per difendere e sostenere la democrazia. Invece, con quel colpo di mano criminale, assieme ad alti funzionari corrotti, militari e cittadini, tradì la patria dando vita ad una delle più atroci, feroci e sanguinarie dittature della storia del Sud America.
Assassinii, torture,  persecuzioni, sequestri, l'utilizzo di campi di concentramento e l'uso indiscriminato della violenza caratterizzarono un regime “nazista” che non aveva nulla da invidiare a quello messo in atto in Germania da Adolf Hitler ed i suoi gerarchi (su tutti “l'angelo del male” Heinrich Himmler). Tra i giornalisti che coraggiosamente raccontarono quel che stava avvenendo nel Paese sudamericano vi è Italo Moretti, inviato della Rai, che mentre altri raccontavano spudorate bugie e menzogne mostrava i fatti. E' noto che subito dopo il golpe, lo Stadio Nazionale di Santiago venne trasformato in un enorme campo di concentramento dove, nel corso di quei primi mesi, vennero torturate e interrogate migliaia di persone. Moltissime donne vennero stuprate dai militari addetti al “campo” e migliaia di persone scomparvero nel nulla. Nonostante le accuse formali di genocidio, terrorismo e tortura, nonostante le prove sui crimini perpetrati durante la dittatura, morì in libertà, per un attacco di cuore, a 91 anni il 10 dicembre del 2006.
Dal 1973 ad oggi cosa è cambiato nel Mondo? Poco se si guarda all'operato degli Stati Uniti d'America che ancora oggi adottano le medesime metodologie foraggiando e sostenendo per i propri interessi golpe militari, guerre e soprusi.
Forse qualche cambiamento si manifesta all'interno della Chiesa, all'epoca molto vicina a quel sistema di potere gerarca e fascista. Papa Giovanni Paolo II, reso santo dagli uomini ma non sappiamo se da Dio, nell'aprile del 1987 si recò in Cile e ancora oggi non mancano le polemiche per l'affacciarsi del Santo Padre al balcone del Palazzo della Moneda con il generale e la benedizione impartita, nel cortile interno dello stesso palazzo, ai funzionari del governo. Tra questi anche il dittatore sanguinario. A differenza di allora, oggi, c'è un altro Santo Padre, Papa Francesco, che non tollera la violenza, né politica né religiosa, che abolisce le dittature persino riconoscendo che in Argentina, durante la dittatura del generale Videla, il clero non aiutò i desaparecidos torturati ed uccisi.
A quarantaquattro anni di distanza, in un Mondo che è focolare di guerre interne, c'è anche questo 11 settembre da ricordare, guidati da quella speranza che è ultima a morire. Quindi “nunca mas” dittature sanguinare. “Resistimos”, nella speranza che la “profezia” di Allende, pronunciata nel suo ultimo discorso, si avveri: che, prima o poi, “ci sarà una lezione morale che castigherà la vigliaccheria, la codardia e il tradimento”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...


LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca