Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni La famiglia Riina e il marchio di Caino

Giorgio Bongiovanni

La famiglia Riina e il marchio di Caino

riina cainodi Giorgio Bongiovanni
Una provocazione e un'offesa al Capo dello Stato, agli italiani onesti ma soprattutto ai parenti delle vittime di mafia spietatamente uccise da Totò Riina. È ciò che sembra essere la richiesta di Lucia Riina, figlia del boss corleonese e del marito Vincenzo Bellomo, che annunciano di chiedere l'esonero dalla cittadinanza italiana insieme alla loro bimba di pochi mesi. Richiesta che dovrebbe essere recapitata al Presidente della Repubblica, tra l'altro parente di vittima di mafia pure lui, Sergio Mattarella, fratello di quel Piersanti presidente della Regione Siciliana ucciso nel 1980, per il cui assassinio proprio Totò Riina si beccò un ergastolo insieme ad altri boss di Cosa nostra.
Una presa di posizione, quella di Lucia Riina, diffusa a seguito del rifiuto del bonus bebè rimbalzato su tutti gli organi di stampa.
Delle sue considerazioni solo una si salva in quanto verità: che la sua bambina, signora Riina, è davvero "innocente e voluta da Dio". Ma voi, figli adulti del boss corleonese, non avete mai manifestato alcuna intenzione di dissociarvi e rinnegare la condotta e le azioni del sanguinario Totò “u' curtu”, autore di massacri di vite innocenti - bambini sciolti nell'acido compresi - accertati da sentenze definitive corroborate da dichiarazioni di collaboratori di giustizia.
Perché è questo che si aspettano da voi la società civile onesta e i familiari delle vittime di mafia: una dissociazione totale e, qualora foste a conoscenza di informazioni utili alla magistratura per fare luce sul biennio stragista scatenato da vostro padre, un'autentica collaborazione con gli inquirenti.
Ma fino a questo momento le celebrazioni della vostra figura paterna (persino sulla tv di Stato) sono solo un insulto al sangue innocente del quale vostro padre si è sporcato le mani.
Finché i Riina proseguiranno nella loro assurda omertà, invece di rinnegare delitti e massacri compiuti dal padre, porteranno il marchio di Caino in fronte (Genesi, cap 4-15). Se sono credenti, così come si dichiarano, sappiano che il loro peggiore nemico è Dio in persona poiché nessuno, nemmeno la famiglia Riina, può sottrarsi al Suo Giudizio Universale. Quel marchio sparirebbe solo con il pentimento, con una ferma distanza dalla condotta del boss corleonese. Qualora decidessero di fare questa scelta profonda, saremmo noi stessi a chiedere assistenza per Lucia Riina e la sua famiglia.

ARTICOLI CORRELATI

La Sacra Famiglia Criminale

Ass. Georgofili: bonus bebe' a figlia Riina? No grazie.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa