Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Lo Stato-stato confisca i beni alla mafia

Giorgio Bongiovanni

Lo Stato-stato confisca i beni alla mafia

stato carte mafiaE lo Stato-mafia rimescola le carte
di Giorgio Bongiovanni
Nonostante la considerevole azione investigativa e giudiziaria per sottrarre alla mafia beni e patrimoni, a volte è lo Stato stesso, una volta proceduto con il sequestro e la successiva confisca, a riconsegnare quei beni nelle mani dei boss. Oppure a lasciarli marcire o affondare in una voragine di debiti che ne decreterà il definitivo fallimento. L'agghiacciante conferma arriva proprio da quei magistrati addetti ai lavori che si dedicano, o si dedicarono in passato, alle indagini volte a porre i sigilli a società, imprese, catene commerciali indispensabili alla criminalità organizzata per reinvestire il denaro proveniente dalle attività illecite. E che, se opportunamente riconsegnate alla cittadinanza affinchè si riutilizzino, costituirebbero il più grande smacco allo strapotere mafioso.
Ora, ad essere stato definitivamente confiscato, è il patrimonio milionario di Giuseppe Grigoli (700 milioni di euro) prestanome di Matteo Messina Denaro e “re dei supermercati” Despar. Settecento milioni di euro che ora lo Stato dovrà dimostrare di riuscire a recuperare. Per evitare che ancora una volta si registri il fallimento di un'azienda, e la conseguente perdita di centinaia di posti di lavoro. Purtroppo i precedenti non sono dei migliori. Tra beni mobili, immobili e aziende, il valore nominale si aggira intorno ai 30 miliardi. Di cui tre sono in contanti, denaro liquido e titoli. Che nessuno usa. Dati alla mano, su 139.187 beni totali, solo 5.240 (il 3,8%) sono quelli destinati. Mentre i patrimoni confiscati in tutta Europa valgono ben 4 miliardi di euro l’anno.
Fallimento, perdita di posti di lavoro, revoca dei fidi bancari e delle commesse di fornitori e clienti, vendita (anche se a norma di legge dovrebbe essere solo un'ipotesi residuale) aumento dei costi di gestione (dovuti alla regolarizzazione di pagamenti e contratti), e una gestione spesso conservativa degli amministratori giudiziari sono solo alcune delle conseguenze provocate dalla cattiva amministrazione dei beni confiscati e dal conseguente fallimento. Quando non tornano nelle mani delle cosche. E tutto questo senza contare che, ci insegna la storia più recente, la malagestione dei beni confiscati arriva persino dal Tribunale. Ne è un esempio l'indagine per corruzione su Silvana Saguto, ex presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo. La Despar sottratta a Grigoli non è che la punta dell'iceberg dello sconfinato patrimonio risalente al boss Matteo Messina Denaro. Ma potrebbe essere un'ottima occasione per dimostrare che invertire la rotta si può.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa